Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 20 GENNNAIO 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Recovery Plan. Più fondi per Case della Comunità e tecnologie in ospedale. Le risorse per la sanità salgono a 19,7 miliardi

di Luciano Fassari

È quanto prevede la nuova bozza del Piano italiano per l’utilizzo delle risorse europee. Crescono rispetto al piano originario i finanziamenti per l’assistenza territoriale e per l’ammodernamento parco tecnologico e digitale ospedaliero. In aggiunta anche 1,7 miliardi dai fondi del React-EU. Nello specifico aumentano di 2,5 mld le risorse per il potenziamento dell’assistenza territoriale e vengono stanziate più risorse per l’ammodernamento tecnologico degli ospedali. Ora il testo sarà all'esame dei partiti di maggioranza

07 GEN - Salgono dai circa 15 a 19,7 miliardi di euro le risorse destinate alla sanità del Recovery Plan italiano. È quanto prevede l’ultima bozza del testo che sarà nelle prossime ore all’attenzione dei partiti di maggioranza (vedi il testo e le tabelle).
 
Nello specifico aumentano di 2,5 mld le risorse per il potenziamento dell’assistenza territoriale e vengono stanziate più risorse per l’ammodernamento tecnologico degli ospedali e inoltre vengono dirottati sulla sanità 1,7 miliardi che si rpeleveranno dai fondi del React-Ue (vedi tabella).
 
Ecco cosa prevede l’ultima bozza:
Le risorse per il territorio (7,5 mld più 400 milioni dal React-Ue):
Casa della Comunità e presa in carico della persona (cronici- donna/bambino/famiglia - disabili - salute mentale): 4,00
Casa come primo luogo di cura: 1,00
Sviluppo delle cure intermedie su base nazionale: 2,00
Salute, ambiente e clima: sviluppo di un modello di sanità pubblica ecologica: 0,50
(Da considerare che a questi totali parziali andranno poi aggiunti per quote parte i 400 milioni aggiuntivi del React-Ue).
 
Le risorse per l’ospedale (10 mld più 1,3 mld dal React-Ue):
Ammodernamento parco tecnologico e digitale ospedaliero: 3,41
Ospedali: 5,60
Potenziamento del Fascicolo Sanitario Elettronico (interventi regionali) e potenziamento della raccolta, elaborazione e analisi dei dati del Ministero della Salute (livello centrale): 1,00
 
Ricerca e trasferimento tecnologico: 0,30
Valorizzazione e potenziamento della ricerca biomedica del SSN: 0,20
Ecosistema innovativo della salute: 0,10
 
Potenziamento della formazione del personale del SSN: 0,20
Sviluppo delle competenze tecnico-professionali, digitali e manageriali dei professionisti in sanita: 0,20
(Da considerare che a questi totali parziali andranno poi aggiunti per quote parte i 1,3 miliardi aggiuntivi del React-Ue).
 

 
Finalità dei progetti
La prima componente di spesa per la sanità, “Assistenza di prossimità e telemedicina”, incrementata di quasi tre miliardi, è finalizzata:
- a potenziare e riorientare il SSN verso un modello incentrato sui territori e sulle reti di assistenza socio-sanitaria; 
- a superare la frammentazione e il divario strutturale tra i diversi sistemi sanitari regionali garantendo omogeneità nell’erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza - “LEA”; 
- a potenziare la prevenzione e l’assistenza territoriale, migliorando la capacità di integrare servizi ospedalieri, servizi sanitari locali e servizi sociali.
 
Si vuole anche sviluppare un modello di sanità pubblica ecologica e un sistema di sorveglianza della sanità pubblica veterinaria e sicurezza degli alimenti, in grado di preservare la salute dei cittadini a partire dalla salute dell’ambiente mitigando l’impatto dei fattori inquinanti.
 
La seconda componente, “Innovazione dell’assistenza sanitaria”, anch’essa significativamente potenziata, è finalizzata a promuovere la diffusione di strumenti e attività di telemedicina, a rafforzare i sistemi informativi sanitari e gli strumenti digitali a tutti i livelli del SSN, a partire dalla diffusione ancora limitata e disomogenea della cartella clinica elettronica.
 
Rilevanti investimenti sono quindi destinati all’ammodernamento delle apparecchiature e a realizzare ospedali sicuri, tecnologici, digitali e sostenibili, anche al fine di diffondere strumenti e attività di telemedicina.
 
Luciano Fassari

07 gennaio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy