Quotidiano on line
di informazione sanitaria
28 FEBBRAIO 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Quanto siamo indietro con la campagna di vaccinazione? Ecco i numeri della sfida per Draghi

di Cesare Fassari

Al di là della carenza vaccini che ha tenuto banco fino ad oggi, resta ancora poco chiara la soluzione logistica che si adotterà per vaccinare il prima possibile tutti i milioni di italiani ancora non vaccinati. Per immunizzare tutti gli aventi diritto con 2 dosi entro dicembre dovremmo partire da subito con 315mila vaccinazioni al giorno. Se volessimo chiudere la partita a ottobre il numero sale a 390mila e se puntassimo a fine agosto ne servirebbero 512mila. Ecco la vera sfida che attende Draghi.

16 FEB - Domani Mario Draghi svelerà le sue carte e tutti si attendono un segnale di svolta nella campagna di vaccinazione anti Covid.
 
E sì, perché, al di là della questione carenza vaccini che sembra in via di soluzione, prima o poi, al massimo da aprile, quando dovremmo avere dosi di vaccino a sufficienza, la campagna di vaccinazione di massa dovrebbe funzionare a pieno regime con centinaia di migliaia di persone da vaccinare al giorno tra prima e seconda dose.
 
Fino ad oggi sono infatti poco meno di 1,3 milioni gli italiani che hanno ricevuto le due dosi e ne mancano quindi all’appello circa 50 milioni (calcolando solo gli over 16 che potranno vaccinarsi stante le attuali indicazioni per età). Il che vuol dire 100milioni di iniezioni da fare e i conti sono molto semplici.
 
Se volessimo chiudere il programma entro il 31 dicembre, partendo da domani 17 febbraio dovremmo effettuare, tra prima e seconda dose, una media di circa 315mila iniezioni.
 
Se volessimo chiudere la partita (come fino a poco tempo fa si diceva) entro la fine di ottobre, il numero sale a 390mila al giorno e se addirittura si volesse terminare la campagna entro la fine di agosto ne servirebbero circa 512mila al giorno.

 
Numeri molto lontani dalla media fin qui registrata (56 mila iniezioni al giorno, tra prima e seconda dose, quelle effettuate per completare l'immunizzazione dei primi 1,3 milioni di italiani) che, per concretizzarsi, necessitano di piani dettagliati in termini di logistica e personale e prima ancora dell'informatizzazione necessaria per gestire prenotazioni e accesso di una tale massa di cittadini da vaccinare.
 
Tutto questo al momento ancora non c’è e non è ancora chiaro se dovrà essere Arcuri (o chi per lui) a programmare il tutto a livello nazionale o se saranno le singole Regioni a dover sbrogliare la matassa, con il rischio molto concreto di una campagna a macchia di leopardo.
 
Al di là di quello che dirà Draghi domani al Senato, quando illustrerà il suo programma sul quale chiedere la fiducia, questi sono i numeri reali con cui fare i conti e speriamo che presto qualcuno ci dica chi ha in mano la calcolatrice.
 
Cesare Fassari
 

 

16 febbraio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy