Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 APRILE 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Minacce al ministro Speranza. Indagati 4 cittadini italiani


“...Invece che il lockdown ti ammazziamo la famiglia, tu vuoi affamare l’Italia ... noi prima o poi ammazziamo la tua famiglia e poi ti spelliamo vivo”. “Sei ... da schiacciare da calpestare da odiare e da ammazzare appeso a testa in giù..”. Queste alcune delle frasi inviate tra ottobre 2020 e gennaio 2021, via mail, al ministro Speranza dai quattro cittadini, tra i 35 e i 55 anni, residenti nelle province di Torino, Cagliari, Varese ed Enna. Sequestrati i dispositivi elettronici degli indagati, per accertamenti anche su eventuali collegamenti con altre persone o gruppi.

02 APR - Operazione dei Nas contro quattro cittadini italiani accusati di aver inviato, tra ottobre 2020 e gennaio 2021, numerose e-mail dal contenuto gravemente minaccioso rivolte al Ministro della Salute, Roberto Speranza. A essere indagati per “minaccia aggravata” sono, come detto, 4 italiani, di età compresa tra i 35 e i 55 anni, residenti nel torinese, cagliaritano, varesotto ed ennese, alcuni, spiegano i Nas in una nota, con precedenti di polizia analoghi al reato che viene ora contestato, celati dietro indirizzi e-mail gestiti da server ubicati in Paesi extra-europei.

Di estrema gravità, le minacce che, nell’arco dei mesi, gli indagati hanno formulato e tutte connesse con le misure e le restrizioni governative adottate in relazione all’emergenza pandemica da COVID- 19: “Con toni offensivi, astiosi e sprezzanti, infatti, nei messaggi venivano prospettate ritorsioni e azioni violente nei confronti del Ministro e dei suoi familiari, contenenti anche esplicite minacce di morte”, spiegano i Nas.
 
Queste alcune delle frasi rivolte contenute nelle e-mail inviate a Speranza e acquisite dai militari del Reparto Operativo del NAS a corredo della denuncia presentata dal Ministro: “…Invece che il lockdown ti ammazziamo la famiglia, tu vuoi affamare l’Italia ... noi prima o poi ammazziamo la tua famiglia e poi ti spelliamo vivo”; “sei ... da schiacciare da calpestare da odiare e da ammazzare appeso a testa in giù..”; “la pagherete cara per tutto il terrore che state facendo”; “ne ve pentirete di essere nati”; “la vostra fine è vicina”; “non la passerete liscia”; “....farete una brutta fine ... se non lo capisci con le buone così posso anche ... fartelo capire nell’altro modo ... più brutale”; “Signor ministro presto ci vedremo o in tribunale o in obitorio…”.


Nel corso delle perquisizioni condotte dai Nas, sono stati sequestrati i dispositivi elettronici in uso agli indagati, “sui quali - spiegano i Nas -  verranno avviati i relativi approfondimenti e accertamenti tecnici volti anche a rilevare eventuali collegamenti con altre persone o gruppi”.

02 aprile 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy