Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 26 OTTOBRE 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

50ª Giornata Internazionale dei Rom, Sinti e Caminanti. Inmp: “La tutela della salute come opportunità di integrazione”


In Italia numerose comunità di Rom, Sinti e Caminanti (RSC) vivono ancora oggi in condizioni di grave marginalità sociale, relegati all’interno di insediamenti semiattrezzati o spontanei, in luoghi poco visibili e difficilmente raggiungibili dai servizi sociosanitari. L’impegno dell’Unar e dell’Inmp per un cambio di passo verso la tutela sanitaria della comunità Rom, Sinti e Caminanti quale fattore determinate di integrazione sociale.

08 APR - L’INMP, Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà, ha avviato come ente attuatore, su mandato dell’UNAR, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, in qualità di amministrazione beneficiaria, il “Progetto Salute - Promozione di strategie e strumenti per l’equità nell’accesso all’assistenza sanitaria di Rom, Sinti e Caminanti”.
 
Il progetto, finanziato dal PON Inclusione 2014-2020, è promosso dall’Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza e sull’origine etnica, dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e vede come soggetto attuatore l’INMP- Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà e come partner operativi 7 aziende sanitarie: ATS della Città Metropolitana di Milano; ASL Roma 1; ASL Roma 2; ASL Napoli 2 Nord; ASL Napoli 3 Sud; ASL Salerno e ATS Sardegna.

 
Il progetto è finalizzato a favorire l’acquisizione, da parte delle Aziende sanitarie territoriali, di conoscenze e competenze a sostegno dell’implementazione del “Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti” del Ministero della Salute, in un’ottica di equità nell’accesso alle opportunità di prevenzione e di cura offerte dal Sistema Sanitario Nazionale.
 
Si stima che sul territorio nazionale vi siano 120 mila/180 mila Rom, Sinti e Caminanti, la metà dei quali è italiana e l’altra metà, pur essendo straniera, è per lo più stanziale.
 
In Italia numerose comunità di Rom, Sinti e Caminanti (RSC) vivono ancora oggi in condizioni di grave marginalità sociale, relegati all’interno di insediamenti semiattrezzati o spontanei, in luoghi poco visibili e difficilmente raggiungibili dai servizi sociosanitari. Vi sono peraltro evidenze che i determinanti socio-economici (deprivazione materiale, scarsità della rete relazionale, comportamenti a rischio, fragilità sociale) e quelli psichici ad essi correlati (ansia, depressione, sottoutilizzo delle risorse personali ecc.) incidono negativamente sulla salute di queste comunità, rendendo più complesso il quadro epidemiologico. A tal proposito nel 2018 è stato lanciato uno specifico progetto per la ricognizione degli interventi realizzati nei diversi contesti regionali e locali in attuazione o comunque in coerenza con il suddetto Piano, a supporto dell’implementazione del Piano stesso.
 
Tale attività è stata svolta dall’INMP, in collaborazione con la Caritas di Roma (CRS-Caritas, Area sanitaria) e con la Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (SIMM). La ricognizione effettuata nell’ambito del Progetto ha fatto emergere una marcata disomogeneità nelle attività dedicate alle popolazioni Rom, Sinti e Caminanti sul territorio nazionale e, più in generale, la necessità di sostenere la conoscenza del Piano e la capillare diffusione di strategie di sanità pubblica specificamente orientate ai gruppi hard-to-reach.

Uno degli obiettivi del Progetto, partendo dall’esperienza maturata dall’INMP, è quello di definire e realizzare un percorso formativo per mediatori/facilitatori Rom, Sinti e Caminanti in sanità, appartenenti ad associazioni e organizzazioni non-profit con specifica esperienza, da impiegare nel contesto dei servizi all’interno di programmi di “mediazione di sistema”. Nell’ambito del corso è prevista la partecipazione, a carattere esperienziale, dei facilitatori alle attività della ASL che partecipano al progetto.
 
Viene poi svolta attività formativa rivolta agli operatori del Sistema Sanitario Nazionale sul Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti, e sui principi e i metodi della Sanità Pubblica di Prossimità, sia a livello nazionale che a livello territoriale.
Nei prossimi giorni di aprile (15, 22 e 29 aprile, dalle ore 11 alle ore 13), si terrà il corso di formazione locale, organizzato dalle ASL Roma 1 e Roma 2.
 
L’evento segue quelli già realizzati dall’ATS Sardegna (il 12 febbraio) e dalle ASL Napoli 2, Napoli 3 e Salerno, in due sessioni: la prima in modalità FAD asincrona sarà disponibile per l’erogazione fino al 27 giugno 2021 e la seconda come webinar si è tenuta il 30 marzo.
 
Inoltre, tra le attività svolte, che hanno un impatto nazionale, ci sono la raccolta, la catalogazione e la disponibilità online di materiali per attività di educazione alla salute da utilizzare nell’ambito di programmi di Sanità Pubblica di Prossimità.
 
Ad oggi sono stati catalogati e resi disponibili sul nuovo sito dedicato al progetto www.progettosalutersc.it - inaugurato oggi in occasione del 50ª Romanò Dives, la Giornata Internazionale dei Rom, Sinti e Caminanti (International Roma Day) che si celebra ogni anno l’8 aprile – ben 77 opuscoli e documenti disponibili in diverse lingue e riguardanti diverse tematiche di interesse sanitario: Diritto alla salute e accesso ai servizi sanitari e sociosanitari (27 documenti); Informazioni su Covid-19 (5); Prevenzione e promozione della salute (13); Salute e benessere del bambino (13); Salute e benessere della donna (4); Salute e benessere della mamma (1); Salute mentale (8) e Stili di vita e malattie croniche (6).
 
Il nuovo sito web si presenta così come una vetrina del progetto e nelle varie sezioni sono disponibili documenti di riferimento per la strategia di inclusione varata dalla UE delle comunità e una panoramica delle attività progettuali
 
L’INMP sta inoltre sviluppando un’applicazione per telefoni cellulari per l’orientamento ai servizi sociosanitari territoriali pubblici, attraverso “mappe di fruibilità” multimediali, multilingue e georeferenziate contenenti specifiche informazioni relative agli orari d’apertura, alle prestazioni offerte e alle modalità di accesso.
 
L’app, attraverso un software di geolocalizzazione, aiuterà quindi la persona a capire dove sono ubicati, sul territorio di appartenenza, i servizi sanitari di cui necessita, le modalità di accesso alle strutture che li erogano e come poterci arrivare nel minor tempo possibile.
 
Ulteriori attività in corso di realizzazione sono l’analisi e la sperimentazione sul campo di interventi basati sul coinvolgimento attivo delle comunità Rom, Sinti e Caminanti, a sostegno di una relazione stabile e continuativa con i servizi sociosanitari.
 
Questa attività progettuale si propone infatti di individuare e sperimentare modelli di sanità pubblica in grado di garantire continuità di rapporto tra la popolazione e i servizi sociosanitari mediante il coinvolgimento attivo delle comunità Rom, Sinti e Caminanti.
 
Tali modelli si basano sull’empowerment dei gruppi target e sul ruolo dei beneficiari come agenti attivi di cambiamento nei processi legati alla promozione e alla tutela della salute.
 
L’obiettivo finale del progetto è quello di elaborare protocolli aziendali per l’implementazione del Piano d’azione salute per e con le comunità RSC, con strategie e i modelli di sanità pubblica di prossimità, individuati mediante l’applicazione di metodologie partecipative e declinati sulla base delle esigenze e delle risorse locali.
 
Tutte le azioni intraprese a livello nazionale e locale, nonché tutti i contatti di riferimento, sono disponibili ora sul sito www.progettosalutersc.it

08 aprile 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy