cover image

Da un recente documento del Tavolo Tecnico sulla Chirurgia – Gruppo Intersocietario istituito dal Ministero della Salute è emerso che, a causa dell’emergenza Covid-19, si è verificata una riduzione di oltre l’80% degli interventi chirurgici e che il restante 20% o meno è stato esclusivamente dedicato alle patologie oncologiche non procrastinabili e all’emergenza-urgenza.

L’interruzione precauzionale di ogni chirurgia elettiva verificatasi nel momento della massima allerta sanitaria ha comportato in maniera tanto certa quanto difficilmente calcolabile un incremento di richiesta di prestazioni chirurgiche, e questo quasi certamente comporterà ulteriori complessità organizzative connesse alla persistenza del virus nella società, con conseguenti aggravi economici. Occorre quindi disegnare su nuove basi la ripresa di una attività chirurgica “ordinaria”, tenendo conto delle profonde e radicali modificazioni indotte dalla pandemia. Ciò impone un ripensamento sia della mission dell’ospedale che dei modelli organizzativi, che preveda anche una redistribuzione della rete di assistenza in HUB and Spoke su base regionale e\o nazionale, uniformando le reti assistenziali delle regioni, nonché un adeguamento delle tecnologie/devices presenti nelle Sale Operatorie.


PRIMA PUNTATA - 21 luglio 2020 - ore 15,00-17,00

DOPO L'EMERGENZA: PROPOSTE ORGANIZZATIVE PER LA RETE OSPEDALIERA



SICS S.r.l. Via Boncompagni 16 - 00187 Roma - Partita IVA: 07639150965 - Tel. +39 06 89272802 | info@sicseditore.it

QS Edizioni srl - P.I. 12298601001 - Via Boncompagni, 16 - 00187 - Roma | redazione@qsedizioni.it

Privacy Policy