Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 SETTEMBRE 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ecco perché i lavoratori della Sanità partecipano allo sciopero. La locandina Cgil-Uil


09 DIC - Il blocco dei contratti pubblici e privati, il blocco del turn over, il blocco della contrattazione di secondo livello e il taglio di 31 mld di euro in 5 anni stanno conducendo il SSN al collasso. Il taglio ai servizi e l’accanimento contro i lavoratori peggiorano la vita di tutti. Quella con cui i cittadini hanno a che fare tutti i giorni è una sanità con meno soldi e meno personale, che tiene ancora grazie solo al civismo, all’etica e al senso di responsabilità di chi ci lavora”. Così si legge nella locandina ad hoc ‘Sanità e socio sanitario’ predisposta da Cgil e Uil in vista dello sciopero del 12 dicembre.
“Ma il peggioramento delle condizioni di lavoro degli operatori e delle operatrici – si legge nel manifesto -  mettono ogni giorno più a rischio il diritto alla tutela della salute e la qualità dell’assistenza ai cittadini. Nel settore privato della sanità e nel socio sanitario assistenziale la crisi ha rappresentato l’alibi per peggiorare le condizioni di lavoro, aumentare la precarietà, abbassare i salari, moltiplicare la frantumazione sindacale con la sigla di contratti al ribasso.
Ora il governo ha deciso di consegnare la dignità dei lavoratori e delle lavoratrici nelle mani degli imprenditori, rendendo ancora più precario e subalterno il lavoro: la cancella- zione dell’articolo 18, il demansionamento, il controllo a distanza non porteranno maggiore occupazione ma solo una maggiore possibilità di ricatto. La politica del governo Renzi avvilisce il lavoro e regala profitti a questi signori, con incentivi a pioggia non vincolati all’innovazione, alla riduzione del precariato e della disoccupazione, in particolare giovanile”.
 
 
“Noi – specifica - abbiamo indicato un’altra strada per uscire dalla crisi, che parte dal riconoscimento della dignità e del valore del lavoro.
-Vogliamo estendere i diritti e tutelare il salario.
-Vogliamo che il lavoro torni ad essere un diritto, come è scritto nella Costituzione,stabile e di qualità.
-Vogliamo migliorare le condizioni di lavoro e sostenere i servizi, perché qualità del lavoro è qualità dei servizi.
-Vogliamo il rafforzamento dello stato sociale per garantire sviluppo, giustizia e coesione sociale.
-Vogliamo rinnovare i contratti.
-Vogliamo ricostruire gli strumenti di democrazia economica perché senza confronto e senza contrattazione non c’è sviluppo equo per il Paese”.
 
“Contro le politiche di smantellamento – conclude il documento - di tutele e diritti dei lavoratori e dei cittadini. Contro lo strapotere dei padroni nei settori privati, contro la libertà di licenziamento e il demansionamento di lavoratori e lavoratrici per il rinnovo di un contratto nazionale di filiera che unifichi il lavoro svolto in sanità pubblica e privata; per superare il gap salariale tra le professionalità operanti nel terzo settore e quelle della sanità pubblica e privata; per la definizione di regole vincolanti che riconoscano il valore del lavoro all’interno delle tariffe delle prestazioni; per riaffermare il diritto alla rappresentanza; per cambiare verso alle politiche del governo Renzi”.

09 dicembre 2014
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy