Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Petrone (Fimmg Inps): “Da Polo Unico Controllo solo vantaggi”

07 GEN - “Il Polo Unico della Medicina di Controllo presso l’Inps comporterebbe degli indiscussi vantaggi”. È quanto sostiene Alfredo Petrone, segretario nazionale Fimmg Inps che sottolinea sul notiziario del Sindacato dei medici di medicina generale i vantaggi del Polo unico: dalla “qualità dei controlli” alla “scelta appropriata delle visite mediche di controllo domiciliare nel pubblico, l’uniformità dei controlli e di giudizio per tutti i lavoratori,  la razionalizzazione della spesa e la maggiore efficacia nella lotta agli abusi, all’assenteismo e alle truffe con rigore metodologico, con una regia univoca informaticamente supportata e con immediatezza di risposta e di output”.
 
Per il segretario nazionale Fimmg Inps il Polo unico “renderebbe possibile all’ INPS, tra le altre cose, l’effettuazione di un numero efficace di controlli domiciliari anche con le attuali fasce orarie di reperibilità, l’affidamento ai medici di controllo INPS dell’espletamento delle visite mediche ambulatoriali ai lavoratori risultati assenti a visita domiciliare  o  a  quelli trovati a casa senza documento valido, l’assolvimento di  eventuali ulteriori compiti  che l’ENTE  per sue esigenze istituzionali e al di fuori delle fasce di disponibilità per l’effettuazione delle Visite Mediche di Controllo Domiciliare, anche in ottica di risparmio, volesse loro affidare, la possibilità di  effettuazione di consulenze specialistiche su richiesta delle  sedi  INPS  da parte dei medici di controllo dotati di specializzazione, con risparmio per l’Ente di spese per consulenze esterne”.

 
Per Petrone “la creazione  di un efficace e capillare controllo fiscale, ottenuta  attraverso il Polo Unico renderebbe possibile l’introduzione della autoattestazione da parte del lavoratore del singolo giorno di indisponibilità al lavoro per motivi di salute; soluzione che,  oltre a responsabilizzare il cittadino, libererebbe  il medico di famiglia dal compito di  dover certificare il singolo giorno di malattia  causato quasi sempre da patologie lievi se non già risolte all’ atto della visita e  quindi  praticamente impossibili da obiettivare, con una consistente riduzione del suo carico di lavoro  burocratico. Basti pensare che ogni anno gli eventi malattia di un solo giorno di prognosi  raggiungono tra pubblico e privato la cifra di 2.300.000”.

07 gennaio 2015
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy