Quotidiano on line
di informazione sanitaria
14 AGOSTO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Nuovo tariffario Lea. Sibioc: “Va modificato per non distruggere la medicina di laboratorio”


Gli specialisti della Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica- Medicina di Laboratorio rivolgono un appello al ministro Speranza sottolineando incongruenze e lacune nel nuovo nomenclatore Lea. Trenti: “Va modificato prima dell’approvazione. A tutela della salute dei pazienti”

11 FEB - “Crediamo che la pandemia abbia mostrato, ora come non mai, il valore della diagnostica di laboratorio nella sanità pubblica quale insostituibile strumento di tutela della salute per tutti i cittadini Per questo la nostra società scientifica ha rivolto un accorato appello al Ministero della Salute, esprimendo forte preoccupazione per le conseguenze che potrebbe avere l’applicazione del tariffario nella forma in cui è stato presentato alle Regioni.”
È quanto afferma Tommaso Trenti, presidente della Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica - Medicina di Laboratorio (SIBioC) in una lettera ionviata la ministro della Salute Roberto Speranza, in merito al  nuovo decreto sulla definizione delle tariffe dell’assistenza specialistica ambulatoriale in fase di approvazione alla Conferenza Stato Regioni.
 
Il nuovo tariffario, sottolinea la SIBioC, determina una estrema contrazione delle risorse destinate alla diagnostica biochimica. Forte è quindi la preoccupazione per la sostenibilità dei servizi di Medicina di Laboratorio. Si teme un’ulteriore spinta verso la ricerca di economie di scala, attraverso il consolidamento-concentramento, la riduzione delle maestranze e delle professionalità, la trasformazione dei servizi di medicina di laboratorio in commodity acquistabili alla stregua di altre merci. Il decreto infatti pare non dare alcuna valorizzazione della risorsa umana e della professionalità, in controtendenza con tutte le più attuali teorie di Evidence Based Laboratory Medicine. Il nuovo nomenclatore LEA contiene inoltre inesattezze, incongruenze e lacune.
 
Nella lettera inviata, SIBioC si propone come interlocutore tecnico e scientifico, per una urgente revisione del Decreto, prima che esso venga approvato: “Confidiamo che - conclude il Presidente Trenti - le nostre istanze vengano accolte, nell’interesse primario dei pazienti affetti da ogni tipo di malattia, e di tutti i cittadini italiani, per la conservazione della loro salute”.
 

11 febbraio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy