Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 14 OTTOBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

La guerra dei generici. Fimmg proclama lo stato di agitazione. Pronti anche allo sciopero

Medici di famiglia minacciano azioni legali, campagne e anche scioperi contro la norma della spending review che obbliga i medici a indicare il principio attivo nelle ricette. L’annuncio in una lettera inviata al Governo. “Disagi per medici e cittadini. A rischio la salute e anche il rapporto medico paziente”.

01 AGO - Lo aveva preannunciato nei giorni scorsi e oggi arriva da parte della Fimmg la conferma della proclamazione dello stato di agitazione contro le disposizioni contenute nel decreto legge sulla spending review, approvato ieri dal Senato e ora all’esame della Camera, che obbligano i medici alla prescrizione del principio attivo dei farmaci.

“I medici di medicina generale che questo sindacato rappresenta – scrive il segretario nazionale della Fimmg, Giacomo Milillo, in una lettera inviata al presidente del Consiglio e ai ministri competenti - ritengono che tale norma comporti disagi per i medici e i cittadini, gravi rischi di compromissione della qualità dell’assistenza e soprattutto mantenga livelli di responsabilità in capo al medico in presenza di una diminuzione di ruolo. La scelta del prodotto medicinale nella sua piena formulazione è trasferita dal medico al farmacista e la possibilità di esprimere le esigenze terapeutiche specifiche dell’assistito sono subordinate a incombenze burocratiche antistoriche, incoerenti con il sistema nazionale di erogazione dell’assistenza farmaceutica in Italia e con le attività di informatizzazione della prescrizione in corso di realizzazione”.


"I medici di medicina generale – spiega ancora Milillo - dovranno inoltre impegnarsi a educare i cittadini all'uso del proprio diritto di scelta in farmacia, sempre che sia loro consentito, istruendoli sul rapporto rischio/beneficio dell'applicazione di tale norma che, nella sua genericità confusa e non organica con altre leggi, mina le basi del rapporto medico-paziente”.

Per tutte queste ragioni la Fimmg dichiara lo stato di agitazione che, spiega, potrebbe portare ad “intraprendere azioni di lotta sindacale, compreso scioperi, campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, manifestazioni e azioni legali”.
La Fimmg, infine, si associa alla richiesta della Fnomceo, per l’istituzione di un tavolo per il riordino complessivo della materia prescrittiva. “È indispensabile”.
 

01 agosto 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy