Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Spending review. Anmdo rivendica il ruolo del direttore di presidio

“È una figura importante per la tenuta del sistema”, afferma il presidente Gianfranco Finzi, che chiede a Balduzzi chiarimenti sulla norma che prevede l'accorpamento delle funzioni di direttore di presidio e di direttore sanitario (a vantaggio di quest'ultimo) nei “presidi unici” dove siano presenti entrambi.

12 SET - Una lettera indirizzata al ministro della Salute per rivendicare ruolo e funzioni del Direttore medico di presidio ospedaliero, alla luce delle nuove norme sulla spending review. A prendere in mano carta e penna è il presidente dell’Associazione Nazionale dei Medici delle Direzioni Ospedaliere (Anmdo), Gianfranco Finzi, che chiede a Balduzzi di fare chiarezza circa alcune disposizioni che interessano alcuni tra “i più importanti centri ospedalieri del Paese” e che, “se erroneamente applicate, potrebbero determinare gravi disfunzioni gestionali, ivi compresa la nullità degli atti”.

Un articolo della legge 135/2012 sulla revisione della spesa pubblica entrata in vigore in agosto prevede, infatti, che nelle aziende ospedaliere, nelle aziende ospedaliero-universitarie e negli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici, costituiti da un unico presidio, le funzioni e i compiti del direttore sanitario e del dirigente medico del presidio ospedaliero “sono svolti da un unico soggetto avente i requisiti di legge”.

Con la sua missiva, il presidente dell’Anmdo chiede, quindi, al ministro della Salute di confermare - relativamente a tale disposizione - che l’unico soggetto avente i requisiti di legge per svolgere tali funzioni “debba possedere contemporaneamente - sottolinea Finzi - i requisiti di legge richiesti sia per il Direttore Sanitario d’Azienda, sia per il Direttore Sanitario di Presidio Ospedaliero”. E che, continua Finzi, tale “soggetto unico” a cui fa riferimento la nuova legge “è da identificare nel Direttore Medico di Presidio Ospedaliero in quanto figura dirigenziale in grado di assolvere anche i compiti ‘consulenziali’ del Direttore Sanitario d’Azienda, consentendo il miglior risparmio economico, non dovendo retribuire per intero il Direttore Sanitario”.


Le ragioni che sottendono la presa di posizione dell’Anmdo sono molteplici: “il Direttore Medico di Presidio ospedaliero – spiega l’Associazione - è innanzitutto un dirigente assunto tramite pubblica selezione e in possesso dei requisiti necessari per assumere la responsabilità della funzione igienico-organizzativa, mentre il Direttore Sanitario d’Azienda è di nomina fiduciaria del Direttore generale; non si tratta quindi di un dirigente ai sensi del D.lgs 165/2001 e non può assorbire funzioni dirigenziali gestionali-organizzative che invece competono al Direttore Medico di Presidio. Solo quest’ultimo, infine, ha la qualifica di Pubblico Ufficiale abilitato allo svolgimento di funzioni specifiche”.
 

12 settembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy