Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 04 LUGLIO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Emergenza-urgenza. Fp Cgil Medici: “Linee guida confuse e contraddittorie”


Il sindacato boccia il provvedimento approvato dalla Conferenza Stato Regioni: “Non affronta le tante criticità del sistema”. Confonde e modifica compiti e funzioni assistenziali della assistenza primaria e pediatria. E non provvede alle risorse.

06 MAR - “Le linee di indirizzo per la riorganizzazione del sistema di emergenza urgenza in rapporto alla continuità assistenziale rappresentano un atto confuso e contraddittorio che non affronta le tante criticità del sistema. Il documento non è stato neanche discusso con le organizzazioni sindacali rappresentative, e non si comprende a quale esigenza risponda”.
È questo il commento della Fp Cgil Medici al provvedimento approvato il mese scorso dalla Conferenza Stato Regioni.
 
“Invece di affrontare i problemi dell’emergenza sanitaria – sottolinea la Fp Cgil Medici – interviene impropriamente sulle cure primarie mentre si attende il rinnovo della Convenzione nazionale su questo specifico punto.
Confonde e modifica compiti e funzioni assistenziali della assistenza primaria (AP) e pediatria (PLS) con la fantomatica centralizzazione delle normali chiamate anche diurne e con la indicazione di percorsi diagnostici ed assistenziali agevolati. Così trovare il proprio medico di fiducia sarà una bella impresa. E i percorsi agevolati per chi servono? Chi li decide? In base a cosa? È un modo per superare le liste d’attesa?”.


Per non parlare poi della soluzione prospettata di percorsi interni ai Pronto Soccorso e ai DEA per i codici bianchi e verdi e farli gestire in sostanza ai medici della continuità assistenziale: ma così tutti i cittadini saranno costretti a recarsi sempre al PS, per qualunque motivo. “Altro che sviluppo del territorio. Così si cancella il territorio. E si intasano i PS impedendone il loro normale funzionamento” ha aggiunto il sindacato.

Non si prevede inoltre neanche un euro di risorse e le problematiche vere dei servizi, in particolare dell’emergenza - dotazione organica, protocolli operativi, standard organizzativi, carenza posti letto, integrazione fra i sistemi (e non surroga di un sistema su un altro) con il potenziamento del Dipartimento Integrato dell'Emergenza - rimangono dov’erano.
“La crisi del sistema sanitario – ha concluso Fp Cgil Medici – non dipende solo dai tagli. Una buona mano deriva anche dall’improvvisazione con la quale si affrontano problemi essenziali come questi”.

06 marzo 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy