Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 26 FEBBRAIO 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Brunetta: “Medici, mai vista categoria più assatanata di denaro"


Lo dice il ministro della Funzione Pubblica in un puzzle di dichiarazioni video, ricostruito dalla Fp Cgil Medici e tratto dalla registrazione dell'intervento di Renato Brunetta alla Summer School della Fondazione Magna Carta lo scorso 8 settembre. Nello stesso video il ministro se la prende con i medici che hanno contrastato l’entrata in vigore della certificazione on line "solo per ragioni di soldi".

06 OTT -

Eccolo il “videoflop”. Così lo ha definito la Fp Cgil Medici, che ha ricostruito questi due minuti di immagini e parole mettendo insieme spezzoni di un intervento di Renato Brunetta dell’8 settembre 2010 a Frascati, ripreso da Radio Radicale nell'ambito della quinta edizione della "Summer School", Scuola di Alta Formazione Politica della fondazione Magna Carta (vedi video integrale da Radio Radicale).

“Il 15 chiudo il collaudo e dal 16 o si naviga o scattano le sanzioni”, si sente dire da Brunetta, riferendosi al periodo sperimentale del sistema di certificazione online, scaduto il 15 settembre scorso. Tuttavia, i fatti poi sono andati diversamente. Il ministro della Funzione Pubblica, infatti, ha acconsentito a posticipare al 31 gennaio 2011 l’avvio delle sanzioni per i medici che non ottemperano all’obbligo di invio telematico, così come proposto dalla commissione di collaudo e come ripetutamente chiesto dai sindacati medici.

Secondo la commissione la fase sperimentale ha evidenziato una serie di criticità che rendono ancora impossibile la completa messa in regime del sistema. Criticità che i medici avevano più volte evidenziato nel corso dei mesi di prova. Ma criticità che, secondo Brunetta, erano “pretesti” e “richieste che nascondono sempre soldi: ‘Vogliamo soldi’”. Usare il sistema dei certificati online per ‘spillare’ soldi allo Stato. Questa, secondo quanto si sente nel video, è la ragione per cui, secondo Brunetta, i medici hanno così fortemente contrastato la riforma telematica per i certificati di malattia. “Mai vista una categoria assatanata di denaro quanto quella dei medici”, afferma il ministro.
“Il sistema di trasmissione telematica on line è un obiettivo da noi condiviso”, hanno replicato Massimo Cozza, segretario nazionale Fp Cgil Medici, e Nicola Preiti, coordinatore della Medicina Generale Fp Cgil Medici nel comunicato con cui hanno diffuso il video. Però, sottolineano i sindacalisti, tale sistema “va realizzato con modalità e tempi appropriati che consentano di non penalizzare il lavoro clinico dei medici e di non allungare le attese per i cittadini.”
“Abbiamo voluto denunciare la politica illusionista del Ministro Brunetta, fatta da annunci virtuali ai cittadini e da insulti e minacce ai medici”, aggiungono Cozza e Preiti ribadendo, a Brunetta e ai cittadini, che “i medici non chiedono soldi in più. Chiedono solo rispetto, di prendere atto delle obiettive difficoltà e di essere messi nelle condizioni di inviare on line i certificati di malattia a vantaggio dei cittadini".
 

06 ottobre 2010
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy