Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 LUGLIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Conoscere e proteggere la 'buona carne'. Se ne discute il 26 settembre a Verona

Quanto sappiamo di questo alimento? Quali prospettive potranno aprire la clonazione animale o la sintesi in provetta? Gli aspetti scientifici, innovativi, legislativi e del controllo ufficiale in una giornata di approfondimento a Castelvecchio organizzata da Simevep, Ulss 20 e Università di Padova.

24 SET - La carne, il ruolo che ha avuto come alimento nella storia dell’uomo e le prospettive aperte oggi dallo sviluppo scientifico e dalle innovazioni tecnologiche saranno al centro del convegno “La ‘buona carne’… un patrimonio da proteggere e conoscere meglio”, organizzato da Società italiana di medicina veterinaria preventiva, Università degli studi di Padova, Ulss 20, Associazione Vincenzi e Ifne, che si terrà il 26 settembre nella sala convegni del Circolo ufficiali di Castelvecchio a Verona.

Una giornata di approfondimento che spazierà ogni aspetto del “pianeta carne”: dal quelli storici a quelli legislativi, dalle tecniche di allevamento, ai nuovi sistemi per migliorare la naturale frollatura e la qualità microbiologica delle carni. Senza tralasciare neppure i sistemi di controllo e di approvvigionamento nelle Forze armate o gli aspetti giuridici in base ai quali i consumatori possono far valere i propri diritti.

In apertura dei lavori, dopo la presentazione del convegno da parte del responsabile Simevep del Veneto, Roberto Poggiani, sarà il sindaco di Verona, Flavio Tosi, a portare il saluto ai partecipanti. Quindi la parola ai relatori: Silvio Borrello, direttore generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero della Salute; Fausto Capelli, giurista ed esperto di diritto alimentare, Valerio Giaccone, ordinario di Ispezione e controllo dei prodotti alimentari di origine animale dell’Università degli di Padova; Enrico Mancini, consulente Veterinario delle forze operative terresti; Riccardo Murari, Responsabile del Servizio igiene alimenti di origine animale dell’Ulss 20 di Verona, Severino Segato del Dipartimento di medicina animale, produzioni e salute dell’Università di Padova.


Non mancheranno i motivi di discussione. Quali prospettive, ad esempio, potrà aprire la clonazione degli animali da carne? E cosa pensare della sintesi di carne direttamente in provetta? “Quello della carne è un mondo solo in apparenza semplice – ha osservato Giaccone - Noi sappiamo che le qualità sensoriali e nutrizionali della carne giocano un ruolo decisivo nella scelta dei consumatori, ma non conosciamo ancora a fondo i fattori che condizionano queste due qualità. Quanto sappiamo, per esempio, dei meccanismi della frollatura delle carni? Negli ultimi anni sono stati brevettati nuovi e finora impensabili sistemi per mantenere meglio le carni, per stabilizzarne il colore e aumentarne tenerezza, succosità e valore nutrizionale”. 

24 settembre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy