Quotidiano on line
di informazione sanitaria
24 MARZO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Speciale 98° Congresso Siot. Cherubino: "Basta con gli ortopedici che danno false illusioni". Serve nuova etica

Nel suo intervento il presidente della Società italiana di ortopedia e traumatologia ha lanciato la proposta di un codice ad hoc per regolare la loro professione. Forte il richiamo all'etica anche da parte del cardinale Angelo Bagnasco: "Speculare sulla malattia è un peccato che grida vendetta davanti a Dio". Le nostre interviste ai protagonisti del congresso di Genova.

29 OTT - “Recuperare la nostra dignità professionale; vigilare in modo che non vengano alimentati, per meschini tornaconti personali sogni, illusioni e false speranze nei pazienti che soffrono e hanno bisogno di noi”. Lo ha affermato nel corso della tavola rotonda sul tema “Sanità tra etica ed economica", svoltasi ieri al del 98° Congresso della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (Siot) a Genova, Paolo Cherubino, presidente della Siot. Hanno preso parte al dibattito, tra gli altri, il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana (Cei) e l’assessore alla Salute della regione Liguria, Claudio Montaldo.

“Questo richiamo all’etica della nostra professione non vuole essere facile retorica o buonismo ipocrita. E’ responsabilità della Siot – ha spiegato Cherubino - diffondere al pubblico informazioni corrette, oneste e valide da un punto di vista scientifico su quanto di nuovo la scienza ortopedica è in grado di offrire ai pazienti. Ci aspettiamo dai colleghi medici un parere onesto e disinteressato. E lo stesso parere onesto e disinteressato si aspettano i pazienti. Sono censurabili e immorali i messaggi di pseudo-informazione, o meglio, di false informazione, diffusi tramite i media da alcuni colleghi, per fortuna una sparuta minoranza, i quali in modo autoreferenziale si propongono come massimi esperti, dando indicazioni chirurgiche esasperate, pubblicizzando squallidamente come tecniche rivoluzionarie e miracolose procedure non sufficientemente validate da un punto di vista scientifico. pur di vendere qualcosa. Che questi venditori di Siot appartengono alla Siot è inaccettabile, perché le azioni deplorevoli di singoli ricadono in modo estremamente lesivo su tutta la nostra società scientifica. Per ricordare a tutti la necessità di un comportamento moralmente ineccepibile - conclude Cherubino - abbiamo radunato un gruppo di esperti che hanno elaborato il codice etico della Siot".


Anche secondo l’arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco, “speculare sulla malattia è un peccato che grida vendetta davanti a Dio. E’ un criterio discriminante, non si può speculare sull’uomo tanto meno nel momento della sua fragilità. E’ un peccato profittarsi di uno stato di minorità fisica e psicologica del paziente".
Il cardinale, inoltre, ha ricordato l’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e della collettività”. “La salute - ha concluso il porporato - non è un bene solo per l’individuo, ma anche per la società. La salute è un capitale sociale che va salvaguardato”.

Infine, l’assessore alla Sanità della Regione Liguria, Claudio Montaldo, ha sottolineato gli sforzi compiuti dalla Regione al fine di recuperare efficienza e virtuosità. “Il problema della responsabilità politica - ha concluso l’assessore - deve concentrarsi sulla sanità affermando il merito e la trasparenza. Se avessimo un sistema appropriato che da ai cittadini le cure riusciremmo a ridurre i costi e a non sperperare le risorse”. Per raggiungere determinati obbiettivi ed essere sempre più efficienti, “occorre la responsabilità di tutti e la collaborazione”.  
 
Giovanni Rodriquez

29 ottobre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy