Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 NOVEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Salute orale del bambino. Il ruolo del pedodontista e dell'ortodontista

Se n’è parlato a Torino al Meeting “Ortodonzia Intercettiva o Early Treatment". Fondamentale al collaborazione tra le due figure di odontoiatri. Soprattutto per la prevenzione in età precoce di patologie tipiche del bambino. Dalla non corretta posizione dei denti a una chiusura errata dell'arcata dentale.

11 APR - Prevenire è meglio che curare, questo il risultato dell’International Spring Meeting intitolato “Ortodonzia Intercettiva o Early Treatment”, tenutosi a Torino qualche giorno fa  sotto la guida del Dott. Claudio Lanteri, Presidente della SIDO (Società Italiana di Ortodonzia).
 
In occasione del Convegno “Ortodonzia Intercettiva o Early Treatment” è stata resa nota l’esigenza di una stretta collaborazione tra il pedodontista, clinico del bambino in età precoce, e l’ortodontista, al fine di poter così ottenere una visione totale della salute orale del piccolo paziente.
Per evitare l’insorgere di patologie, quali una non corretta posizione dei denti e un'errata chiusura delle arcate dentali, il pedodontista infatti è già in grado di effettuare precocemente, e quindi già in dentizione decidua o mista, interventi di ortodonzia intercettiva, individuando per tempo le abitudini viziate, come la suzione del dito o l’eccessivo uso del ciuccio e prevenendo attraverso l’uso di apparecchiature funzionali la formazione della malocclusione dentaria

 
Inoltre, per attuare un processo di prevenzione efficace, è fondamentale il coinvolgimento di più specialisti: i pediatri, che devono necessariamente avere le giuste competenze per eseguire uno screening di massa, e gli otorini, poiché la diagnosi di un problema di tipo respiratorio può facilmente contribuire all’insorgere di una cattiva occlusione dentaria.
 
“Da pedodontista e ortodontista non posso che promuovere l’importanza di una stretta collaborazione tra le due figure - afferma il Prof. Giuseppe Marzo, ex Presidente della SIOI (Società Italiana Odontoiatria Infantile) e Direttore della Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia dell’Università dell’Aquila - Ritengo certamente necessario questo approccio multidisciplinare integrato, al fine di assicurare un’occlusione stabile, funzionale e armonica. Ed è questo uno degli obiettivi e dei temi che la Società Italiana di Odontoiatria Infantile porta avanti sia per quanto riguarda la formazione che l’aggiornamento scientifico dei Soci”.
 
Il programma culturale della SIOI è molto articolato e dimostra una notevole attenzione ai temi della prevenzione e della diagnosi precoce delle malattie del cavo orale. 
“È fondamentale e lo è ancor di più in questo momento di crisi economica - afferma la Presidente della SIOI, Prof. Raffaella Docimo - rafforzare e integrare i percorsi di prevenzione, promuovendo protocolli di diagnosi precoce a largo raggio, al fine di evitare complicanze o trattamenti successivi più impegnativi sul piano clinico ed economico

11 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy