Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 26 MAGGIO 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Caso Marlia. Assolti i tecnici di radiologia accusati di aver agito senza il medico. Per i giudici "il fatto non sussiste"

A dare notizia dell’esito della sentenza di primo grado è stata la Federazione dei tecnici sanitari di radiologia medica. I due Trsm erano accusati di abuso di professione per lo svolgimento di indagini radiologiche senza la presenza del medico. Le immagini venivano refertate a distanza grazie ai mezzi tecnologici.

04 LUG - "Il fatto non sussiste". Per questa ragione il Tribunale di Lucca ha assolto oggi, in primo grado, i due tecnici sanitari di radiologia medica, il direttore sanitario e un medico radiologo operanti presso la Casa della Salute di Marlia accusati di aver esercitato abusivamente la professione. La questione riguardava lo svolgimento di indagini radiologiche senza la presenza del medico. In pratica i due tecnici eseguivano la procedura della tele-radiologia, cioè la radiografia, che veniva poi inviata per via telematica al medico per la diagnosi.

La sentenza è arrivata a margine di un lungo dibattimento e ha visto tutti concordi sulla non esistenza del fatto, persino l'accusa. Il caso di Marlia era scoppiato nell'Aprile del 2013, pochi mesi dopo scoppiò un altro caso "gemello" a Barga, sempre nel lucchese, che vede coinvolti per le stesse ipotesi di reato altri 12 TSRM. La prima udienza, per questo secondo caso, è prevista per lunedì prossimo, 7 luglio, e il precedente di oggi fa ben sperare gli imputati, anche se non sarà necessariamente determinante.

Due casi, dunque, ma non gli l'unici in Italia per genere. Tanto che la categoria intera si è da subito sollevata a difesa dei due colleghi. "Delle due l'una: o ci rimangiamo tutto ciò che si è pensato, detto e scritto sulla necessità di territorializzare e domiciliarizzare le cure o si accetta che sul territorio e a domicilio le professioni sanitarie (infermieri, tecnici di radiologia, fisioterapisti, logopedisti, etc...) operino in contesti organizzativi e con modalità diverse rispetto a quelle consolidatesi in ospedale, senza che ciò generi detrimento alla qualità complessiva delle cure", aveva dichiarato Alessandro Beux, presidente Federazione Nazionale Collegi Professionali Tecnici Sanitari di Radiologia Medica, dalle pagine del nostro giornale. "Sembra il teatro dell'assurdo, ma non lo è ancora. Perché lo sia ci manca che qualcuno proponga, quale soluzione di una siffatta criticità, l'assunzione e la distribuzione sul territorio di decine di medici specialisti. Così, al posto di territorializzare e domiciliarizzare le cure avremo territorializzato e domiciliarizzato gli ospedali", conclude Beux, che oggi ha annunciato con soddisfazione l'assoluzione dei due tecnici perché "il fatto non sussiste".

04 luglio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy