Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 17 SETTEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Infermieri. Nursind sospende lo stato di agitazione. "Apertura di credito verso il ministero"

La decisione al termine di un incontro tenutosi presso il ministero del Lavoro. Previsto un nuovo appuntamento per la prima settimana di settembre. Poi, entro la fine del prossimo mese, un nuovo tavolo presso il Ministero della Salute. 

22 AGO - Il Nursind ha sospese lo stato di agitazione del comparto sanità. La decisione è stata presa al termine dell’incontro tenutosi il 20 agosto presso il Ministero del Lavoro. Il segretario, Andrea Bottega, ha spiegato che si tratta di “un’apertura di credito alle proposte del Ministero della Salute e per il rinnovo contrattuale con una parte economica si attende una risposta dal Comitato di settore”.

I principali punti sollevati dal Nursind nella vertenza sono:
-Il perdurare del blocco del trattamento economico del personale del Ssn previsto dal DL 78/2010 convertito nella legge122/2010, con il conseguente blocco contrattuale e il taglio dei fondi della contrattazione integrativa;
-Il mancato rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il comparto sanità;
-Il permanere della crisi occupazionale infermieristica che vede circa 30.000 infermieri non occupati e il sovraccarico di lavoro che la categoria sopporta per il perdurare del blocco del turn over, il mancato ricambio generazionale per la riforma pensionistica, l’invecchiamento e l’usura del personale;
-Lo stato di demansionamento in cui versa il personale infermieristico chiamato a coprire nel sistema le carenze di altre figure e del personale di supporto;

-L’impossibilità di valorizzare qualsiasi percorso di carriera per la professione infermieristica a livello nazionale e aziendale.
 
L’incontro si è svolto alla presenza del rappresentante del Ministero della Salute che ha dichiarato la disponibilità a fissare un incontro tra le organizzazioni sindacali e il Comitato di settore per la Sanità e il Sottosegretario Di Filippo per trattare i primi due punti delle richieste Nursind entro la prima settimana di settembre. Successivamente, sempre entro il mese di settembre, dovrebbe essere convocato un tavolo presso il Ministero della Salute per trattare i restati punti.

“Riteniamo importante –ha sottolineato Bottega – aver ricevuto la disponibilità del Ministero della Salute e aver dato un nuovo impulso per vedere se c’è la volontà di riprendere una fisiologica contrattazione che tenti di risolvere i numerosi problemi del settore e dell’esercizio della professione infermieristica. Ci rammarica la mancanza al tavolo di un rappresentante della funzione pubblica per gli aspetti legati alle procedure preliminari sui comparti e aree di contrattazione e de rappresentante del Mef per gli aspetti economici”.

“Un aspetto imprescindibile per la soluzione delle problematiche del lavoro – afferma Donato Carrara del direttivo nazionale – è quello della disponibilità economica. Abbiamo rappresentato al tavolo il nostro scetticismo sulla reale possibilità di vedere delle risorse economiche per la valorizzazione delle professionalità e per l’attuazione dei buoni propositi del recente Patto per la Salute. Tuttavia abbiamo voluto aprire le porte al rappresentante del Ministero che ha dato la disponibilità ad affrontare a breve in una serie di incontri i problemi condivisi nella comune convinzione che il personale del Comparto ed in particolare gli infermieri abbisognano di un riconoscimento normativo ed economico che li motivi a coprire le esigenze sempre più pressanti del sistema".

Lo stato di agitazione si è sospeso quindi con un rinvio al 30 settembre 2014 per un incontro presso il Ministero del Lavoro per verificare se gli ulteriori elementi di chiarimento possano definitivamente risolvere la vertenza.
 

22 agosto 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy