Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 LUGLIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Podologia. Il 28 maggio visite gratuite al piede presso studi specializzati in tutta Italia

L'iniziativa, promossa dall'Associazione italiana podologi, è parte integrante del “mese mondiale per la prevenzione e cura del piede”. Le patologie podaliche sono in crescita esponenziale, innanzitutto per l’aumento della popolazione anziana.

13 MAG - Come gli altri anni, è maggio il mese scelto dalla Federazione Internazionale Podologi e Podoiatri (Fip) come “mese mondiale per la prevenzione e cura del piede”. L’Associazione Italiana Podologi ha assicurato il proprio impegno individuando una giornata, giovedì 28 maggio, nella quale alcuni studi associati assicureranno sul territorio le visite gratuite a quanti ne faranno richiesta. Nella prima settimana di maggio al cittadino basterà andare sul portale (www.associazionepodologi.it) per individuare lo studio a lui più vicino che ha aderito all’iniziativa.

L’Italia, quindi, insieme agli altri Paesi che aderiscono alla Fip, tra i quali Francia, Germania, Regno Unito, Spagna, Usa, partecipa ad una iniziativa che assume particolari significati sia sotto l’aspetto più strettamente pratico, sia sotto l’aspetto più generale dell’educazione sanitaria. “Occorre infatti tener presente della scarsa cultura del piede nel nostro Paese – sottolinea in una nota l’Associazione italiana podologi - Capita così che la gente spesso trascura semplici affezioni che potrebbero trasformarsi in patologie ben più gravi (si pensi, ad esempio, alla complicanza del piede diabetico) oppure non sa che in Italia da tempo può contare su un professionista laureato, che ha svolto nel corso degli studi universitari un duro e severo tirocinio ed anche, dopo laureato, ha frequentato, nella maggior parte dei casi, master professionalizzanti presso le Università più qualificate”.

l mese del piede, inoltre, può costituire un’utile opportunità anche per i medici, ai quali i podologi, in relazione a quanto stabilito dal loro profilo professionale, indirizzano i pazienti che soffrono di problemi che non sono di loro competenza.

La giornata acquista particolare valore anche nella lotta all’abusivismo. Sono sempre più numerosi, infatti, quanti, senza nessun titolo (ad es. pedicure, estetiste) pubblicizzano la loro capacità di “curare” il piede, realizzando così un vero e proprio “abuso di professione”, previsto dall’ articolo 348 del Codice Penale.

Quella del mese del piede è quindi un’iniziativa di grande rilievo anche sotto l’aspetto dell’educazione sanitaria. “Occorre infatti sapere – sottolinea la nota - che il sistema sanitario e quindi la gente può contare su professionisti, i podologi, che curano con grande professionalità determinate patologie, ma soprattutto sono in grado di assicurare una buona qualità della vita. Si pensi, ad esempio, agli anziani (il 70% degli ultra sessantacinquenni soffre di patologie podaliche) per i quali l’assistenza podologica può assicurare una piena mobilità, prima compromessa da affezioni che, pur semplici, ne limitano l’autonomia”.

Le patologie podaliche sono in crescita esponenziale, innanzitutto per l’aumento della popolazione anziana (ogni 100 ragazzi da 0 ai 14 anni l’Istat registra 151,4 anziani da 65 anni e più), ma anche per le mutate abitudini sociali, come, ad esempio, l’uso sempre più diffuso dei tacchi nelle calzature femminili e delle scarpe da tennis da parte dei giovani. Per questo l’Associazione Italiana Podologi, che d’intesa con la Fip ha coordinato l’iniziativa, ritiene estremamente utile che la gente si avvalga dell’opportunità offerta, anche per una maggiore consapevolezza dell’importanza che rivestono i piedi nella salvaguardia del proprio benessere.
 

13 maggio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy