Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 GENNNAIO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Fp Cgil: “Su inappropriatezza Salute e Regioni studiano misure illusorie”  

Il riferimento dell’esponente sindacale è all’atteso decreto ministeriale che dovrebbe individuare le 180 prestazioni “inappropriate” come previsto dalla manovra di agosto, che, se prescritte senza valida giustificazione, farebbero scattare le sanzioni ai medici.

15 SET - “Minacciare i medici e pensare di affrontare l'inappropriatezza con il controllo di 180 prestazioni, che dovrebbero essere individuate in un prossimo decreto del Ministero della Salute di concerto con le Regioni, è pura illusione”.
 
Ad affermarlo è il responsabile nazionale Fp Cgil Medici per la medicina convenzionata,Nicola Preiti, che aggiunge: “Alla fine sul banco degli imputati finiranno soprattutto i medici di medicina generale, se non si cambierà subito l'organizzazione del loro lavoro con una nuova e coraggiosa Convenzione. Ma di questo non vi è traccia. ”
 
Infatti, continua Preiti, “è al medico di famiglia che fa capo sostanzialmente tutta la prescrizione farmaceutica e buona parte della diagnostica territoriale (spesso per induzione): quasi l'80 % delle prescrizioni di RM sono eseguite da medici di famiglia e pediatri.
               
E purtroppo il medico di famiglia è vulnerabile per più ragioni alle pressioni esercitate dal paziente. Oltre alle minacce di denuncia, capita (semplicemente) che il paziente revochi il medico e lo cambi se questo non prescrive quanto preteso. Magari un esame consigliato dagli innumerevoli centri diagnostici convenzionati che hanno un diverso e ‘legittimo’ punto di vista sull'appropriatezza. E la revoca riduce direttamente il reddito del medico, visto che ancora è legato al numero di scelte che ha in carico e non alle sue attività”.

 
Inoltre, aggiunge Preiti, “il medico di famiglia ha poco tempo: un massimalista con 1500 assistiti (il 23% ne ha anche di più) ha aritmeticamente 1,6/min a paziente a settimana, e arriva anche a 90 accessi al giorno in ambulatorio. E aggiungiamo che buona parte di questo tempo teorico viene portato via dalle attività burocratiche sempre più gravose. Già con questi tempi visitare un paziente diventa una eccezione, mettersi a discutere,impossibile.
 
Tutto ciò - secondo Preiti - trascina inesorabilmente il medico verso una maggior prescrizione e lo costringe talvolta alla inappropriatezza. L'esercizio della “scienza e coscienza” richiede tempo e un terreno libero da condizionamenti “
 
Per questo, nell'ambito delle proposte per l'appropriatezza, Preiti osserva: “Riteniamo utile:
la riduzione del massimale di assistiti per medico a 1000 (senza penalizzazione economica per i medici, naturalmente). Questo innanzitutto restituirebbe tempo al medico, per fare il medico con innumerevoli effetti benefici per la sua professionalità e per il sistema; 
il superamento del meccanismo di scelta/revoca. Per togliere l'induzione ricattatoria all'inapropriatezza che il paziente può esercitare sul medico. Legando quindi il reddito del medico alle sue attività e non alle scelte che ha in carico;
la realizzazione di centri distrettuali aperti h24 (Case della salute, ecc), in grado di dare risposte di salute ai cittadini più prossime e più rapide rispetto al PS. Ciò decongestiona i PS ed evita che il cittadino entri nel circuito ospedaliero se non è necessario.
               
La via dell'appropriatezza - conclude Preiti - passa per riforme strutturali sostenute da scelte politiche coraggiose, con lo sguardo rivolto al futuro, che non si fermano sulla soglia dei privilegi di qualcuno”.

15 settembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy