Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Operatori sanitari stressati? Dedicarsi all’arte aiuta e lo stress si riduce del 30%. Una ricerca dell’Università di Torino

E in particolare facendo "teatro". La ricerca ha coinvolto 90 donne e uomini (60 studenti e 30 professionisti) che lavorano all'interno dei servizi sanitari piemontesi, e che, divisi in gruppi, hanno partecipato a un laboratorio di 50 ore, durante il quale sono state utilizzate le tecniche innovative del Teatro Sociale di Comunità.

12 NOV - Ridurre lo stress causato dal lavoro, grazie all'arte e alla creatività, è possibile, fino anche al 30%. Anche per chi opera quotidianamente in contesti ad "alto tasso di tensione", come i pronto soccorso e gli ospedali. È quanto rivelano i risultati del progetto biennale di ricerca Co-Health, il teatro nella formazione del personale sanitario, condotto dal Social and Community Theatre Centre dell'Università degli Studi di Torino e sostenuto dalla Fondazione CRT.

La ricerca Co-Health, fra ottobre 2013 e ottobre 2015, ha coinvolto 90 donne e uomini (60 studenti e 30 professionisti) che lavorano all'interno dei servizi sanitari piemontesi, e che, divisi in gruppi, hanno partecipato a un laboratorio di 50 ore, durante il quale sono state utilizzate le tecniche innovative del Teatro Sociale di Comunità, metodo riconosciuto a livello internazionale come best practice nata nel territorio piemontese.
 
Fra i partecipanti si è registrata una riduzione fino al 30% degli effetti della sindrome di burnout, ovvero la conseguenza patologica del carico di stress che colpisce chi esercita professioni d'aiuto, medici, infermieri e operatori sanitari in genere. Il dato è emerso  da un confronto fra la valutazione dello stress percepito prima e dopo la partecipazione ai laboratori di Co-Health. In particolare, la variazione più importante riguarda il tasso di Esaurimento Emotivo e di Depersonalizzazione, in netta diminuzione, mentre un incremento, pari a circa il 10%, si registra nella sottoscala relativa alla Realizzazione Personale. Sono questi i tre parametri principali del Maslach Burnout Inventory (MBI), principale strumento di valutazione del burnout della psicologia clinica.
 
Ma al termine del progetto Co-Health sono state registrate anche una migliore percezione di sé da parte dei singoli individui e una rafforzata coesione familiare derivante da una consolidata fiducia nella rete delle proprie relazioni personali.

Scopo finale di Co-Health, i cui destinatari indiretti sono i pazienti e i loro familiari a diretto contatto con gli operatori sanitari, è stato migliorare la qualità della formazione dei professionisti della sanità, ridurre lo stress professionale percepito e migliorare la qualità e l'efficacia della relazione di cura con il paziente.

"La valutazione dei risultati – spiega Alessandra Rossi Ghiglione, project manager del progetto Co-Health e direttrice e creatrice del Social and Community Theatre Centre dell'Università degli Studi di Torino – è stata condotta attraverso un processo quantitativo e qualitativo che ha anche tenuto conto per la prima volta per gli studenti delle prestazioni sul campo. Per i professionisti sono state somministrate scale di valutazione pre e post intervento e raccolti e analizzati materiali narrativi prodotti su stimolo. La rilevazione qualitativa si è conclusa con un focus-group a distanza di tre mesi dalla fine dell’esperienza. La valutazione dell’efficacia del protocollo è stata affidata a una équipe indipendente da quella responsabile della formazione, in modo da garantire un'oggettività di analisi".

"La Fondazione CRT sostiene Co-Health con un contributo di 80.000 euro – afferma il Vice Segretario della Fondazione CRT Annapaola Venezia – riconoscendo un grande valore al progetto del Teatro Sociale di Comunità portato avanti dall’Università di Torino. L’obiettivo è migliorare il benessere e l'efficienza organizzativa delle nostre strutture sanitarie: Co-Health, infatti, ha introdotto il teatro sociale negli ospedali per affrontare, con l’arte e la creatività, le conseguenze patologiche dello stress che colpisce medici e infermieri. I risultati hanno confermato la forza e il valore terapeutico del teatro, rivolto non solo ai pazienti, ma anche agli operatori sanitari".

12 novembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy