Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 FEBBRAIO 2023
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Orario di lavoro. In Calabria esposto alla Procura a tutela dei lavoratori e dei cittadini


A presentarlo Dalila Nesci, deputata del Movimento 5 Stelle.  “Ho lanciato l’‪‎allarme, perché allo stato attuale, fra blocchi del turn over e riduzione del personale, sarà ‪‎impossibile osservare la normativa”. Nell’esposto si chiede l’accertamento dello stato della dotazione organica delle strutture pubbliche calabresi. Per Nesci “sono urgenti nuove assunzioni”.

25 NOV - Un ‪esposto alle procure calabresi e alla Procura di Roma per porre “il problema della ‪tutela della salute negli ospedali, con l’entrata in vigore della nuova direttiva sui riposi obbligatori nei turni di lavoro”. A presentarlo la deputata del Movimento 5 Stelle, Dalila Nesci, che ne dà notizia attraverso una nota pubblicata sul suo sito internet in cui dà tutti i dettagli delle motivazione che l’hanno spinta a presentare l’esposto. “Ho lanciato l’‪‎allarme, perché allo stato attuale, fra blocchi del turn over e riduzione del personale della sanità, sarà ‪‎impossibile osservare la riferita normativa”.

“Al di là del ‪piano di rientro – secondo Nesci - adesso è d’obbligo assumere immediatamente personale negli ospedali, in quanto la direttiva europea in questione obbliga a porre fine a turni e condizioni massacranti che hanno finora caratterizzato la sanità pubblica, in ragione dei continui tagli di spesa e della preminenza, giuridicamente arbitraria, di fatto accordata all’equilibrio e al pareggio dei bilanci delle pubbliche amministrazioni rispetto alla tutela del diritto alla salute”.

Chiedendo alla ‪‎magistratura “l’accertamento dei fatti, dello stato della dotazione sanitaria delle strutture pubbliche della Calabria e delle eventuali responsabilità penali riferibili a eventuali condotte omissive”, Nesci spiega di avere evidenziato nell’esposto che “l’articolo 32 della Costituzione è senz’altro preminente rispetto agli articoli 81 e 97 sul pareggio di bilancio, che assecondano, con propria illegittimità costituzionale, volontà di organismi non elettivi connesse al sistema dell’euro”.

“Appare utile evidenziare – si legge ancora nell’esposto – che per l’art. 1 della Costituzione la moneta non può, come finora sta invece avvenendo, essere di proprietà della ‪Bce, che la presta allo Stato, il quale s’‪‎indebita per restituirla al valore nominale, tagliando i servizi pubblici essenziali e riducendo a nulla i diritti fondamentali come il diritto alla salute di cui all’art. 32 della Costituzione”.

25 novembre 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy