Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 03 GIUGNO 2023
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medici e Modello 730 precompilato. Omceo Milano chiede di posticipare la data di invio al Mef dei dati


La scadenza per l’invio al Ministero delle Finanze dei dati relativi alle fatture è il 30 gennaio. Ma la Sogei, che fornisce le credenziali per l’accesso informatico, "si è attivata con grave ritardo”, denuncia la Omceo Milano, che "sconsiglia" di inviare i dati attraverso le Asl: “La procedura non è prevista dalla Legge e ci sembra irrispettosa della privacy dei pazienti”.

30 DIC - Far slittare la scadenza del 30 gennaio 2016 per l’invio da parte dei medici alla SOGEI (braccio informatico del Ministero dell’Economia e delle Finanze) dei dati relativi alle fatture emesse nel 2015 al fine di permettere al Governo di inviare il 730 precompilato ai cittadini che hanno usufruito di prestazioni sanitarie a pagamento, in quanto detraibili dall’imponibile su cui viene calcolata l’eventuale imposta sul reddito dovuta. È quanto chiede l’Ordine dei Medici di Milano spiegando che la necessità di una proroga è legata in primo luogo ai ritardi della Sogei e dalle informazioni sbagliate "fornite" in più occasioni dalla stessa Sogei e dal Ministero.

“La Sogei – spiega infatti l’Ordine in una nota -, avrebbe dovuto fornire prontamente le credenziali per l’accesso informatico agli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri, da trasferire poi ai propri iscritti, ma si è attivata con grave ritardo, creando a cascata gravi difficoltà, soprattutto agli Ordini più grandi, come quello di Milano che ha più di 25.000 iscritti da contattare”. D’altra parte, all’Omceo di Milano non piace l’opzione della Regione Lombardia che, “unica in Italia, vorrebbe raccogliere i dati attraverso le ASL per poi trasferirli alla SOGEI, introducendo in tal modo una sorta di controllo ingiustificato e surrettizio sulle attività svolte in regime privatistico dai propri medici. Richiesta che appare essere al di fuori di ciò che prescrive la Legge e contro cui si è fermamente opposto OMCeO Milano invitando gli iscritti a usufruire in via diretta del sistema TS”, spiega l’Ordine.
 
“Dopo mille telefonate e arrabbiature, dopo aver dribblato tutte le informazioni sbagliate date dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e da Sogei” Roberto Carlo Rossi, Presidente di OMCeO Milano, spiega che l’Ordine è ora “è in grado di dare le credenziali a tutti i Medici e gli Odontoiatri. Basta presentarsi di persona o per delega agli uffici”. Ma serve più tempo. Da parte di Rossi, ancora un no all’invio dei dati attraverso le ASL: “La procedura non è prevista dalla Legge e ci sembra irrispettosa della normativa sulla privacy” ribadisce.

 

30 dicembre 2015
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy