Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 30 MAGGIO 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Piani terapeutici in medicina generale. Fimmg ad Aifa: “Bene parole di apprezzamento ma ora servono azioni concrete”

I medici di famiglia commentano positivamente la nota Aifa che annuncia l’avvio della sperimentazione dei piani terapeutici e ricordano però come è “necessario dare concretezza e contenuti alle affermazioni di apprezzamento, mentre molte criticità nella gestione del farmaco continuino a non essere risolte ed anzi a peggiorare”.

11 GEN - La Fimmg plaude l'Aifa dopo la nota che annuncia l’avvio della sperimentazione dei piani terapeutici in medicina generale. "Avevamo sollecitato l’Agenzia del farmaco già lo scorso 9 dicembre - ricorda il Sindacato - in cui chiedevamo “quali possibili rigidità o difficoltà in AIFA impedissero l’implementazione del  “Progetto di sperimentazione dei piani terapeutici in medicina generale”, progetto tanto sostenuto dalla Medicina Generale e dall’agenzia stessa. E’ bene ricordare che tale iniziative è stata da molto tempo oggetto  di numerosi incontri, riunioni, tavole rotonde anche nei Congressi Nazionali della FIMMG,   ufficializzato, infine, in una lettera AIFA del settembre 2014, a firma DG  Luca Pani e Walter Marrocco (Medico di Famiglia, allora componente CTS), a tutte le associazioni dei Medici di Famiglia”.
 
Questa sollecitazione della FIMMG “è stata quanto mai utile e il comunicato dell’AIFA (dello scorso 8 gennaio con cui si annuncia l’avvio della sperimentazione) ne è la conferma.  Prendiamo anche atto dell’affermazione che” …AIFA è consapevole che il Medico di Medicina Generale (MMG) rappresenta una delle figure centrali dell’assistenza sanitaria ed il principale riferimento del cittadino…”,  ma non possiamo non sottolineare come sia necessario dare concretezza e contenuti alle affermazioni di apprezzamento, mentre molte criticità nella gestione del farmaco continuino a non essere risolte ed anzi a peggiorare. In sostanza, è un problema di equità di accesso alle cure da parte del cittadino, di continua innovazione terapeutica, da cui la MG viene progressivamente e inesorabilmente esclusa. E’ una riflessione su che tipo di “salute”, tramite il  farmaco, si vuole offrire (vogliamo offrire) ai nostri cittadini e con quali  modalità”.

 
“I Medici di Famiglia - ha dichiarato il segretario nazionale della Fimmg, Giacomo Milillo - hanno sempre dato il proprio contributo - equilibrato ed efficace - all’uso del bene farmaco ponendosi  a disposizione del  Servizio Sanitario Nazionale e Regionale e ottenendo  importanti risultati, come anche attestano i dati OSMED pubblicati da AIFA, che evidenziano  attenzione ai bisogni del  paziente e alla sostenibilità del sistema, anche  attraverso il rispetto  delle decisioni regolatorie. Purtroppo  il carico burocratico anche nell’atto prescrittivo da parte del MMG si è progressivamente appesantito, senza che questo abbia significato maggior coinvolgimento professionale a favore della cura del paziente.
 
“Avendo a cuore il ruolo scientifico della nostra professione - prosegue - e rivendicando di essere il primo punto di contatto con il cittadino, riteniamo, a nome della Medicina Generale tutta e non solo FIMMG, che questo progetto debba prendere quanto prima l’avvio. Considerando che molti passaggi sono stati già fatti, si potrebbe procedere direttamente al suo avvio con la possibilità, anche se in via sperimentale, di affidare ai Medici aderenti (circa 2.500) la prescrizione di farmaci sottoposti a Piani Terapeutici in ambiti terapeutici rilevanti per il Territorio e ad alta prevalenza quali: il metabolico (Diabete Mellito), il cardiovascolare (Terapia anticoagulante), il respiratorio (terapia di Asma e BPCO), l’osteoporosi. In realtà, mentre il tempo scorre, alcune Regioni si stanno attrezzando con progetti pilota sulla prescrizione di farmaci anche sottoposti a PT, rischiando di andare ad aumentare la disparità di trattamento tra cittadini delle varie Regioni”.
 
“Ovviamente la MG vigilerà sul percorso – conclude il segretario Fimmg - e offre la propria disponibilità a un contributo,  che, forte dell’esperienze aggiornate alle continue mutazioni dell’organizzazione del nostro servizio sanitario, risulta ben diverso da quello che poteva essere solo 5 o10 anni fa. Con forza la FIMMG afferma la propria convinzione che la prescrizione nell'area della Medicina Generale di  Farmaci con Piani Terapeutici, significa combinare interesse del cittadino e sostenibilità del SSN”.

11 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy