Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 19 SETTEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Campania. Le ostetriche a De Luca: “Istituire una task force su percorso nascita”

Le ostetriche italiane chiedono di essere protagoniste nel disegnare i nuovi modelli di assistenza in area materno infantile promuovendo attraverso una reale integrazione territorio-ospedale la continuità delle cure, ponendosi con competenza al fianco delle donne e creando con esse una vera e propria alleanza.

08 FEB - “Una TASK FORCE con le ostetriche all’interno del Percorso nascita regionale per definire precisi percorsi integrati diagnostico terapeutici assistenziali, rivolti alla gestione della gravidanza, parto, puerperio e allattamento per migliorare la sicurezza dell’assistenza alle mamme e ai neonati, alla luce delle Linee guida nazionali e internazionali”. È quello che chiede la presidente della Federazione nazione delle ostetriche (FNCO) Maria Vicario che ha scritto al presidente Vincenzo De Luca e al commissario Polimeni, con la richiesta “di avviare una fattiva collaborazione fra la Federazione e i collegi delle ostetriche della regione Campania, al fine di monitorare il fenomeno che vede questa regione come “maglia nera” in Italia con il suo 60% di Tagli cesarei, che in alcune strutture private e convenzionate, arriva anche al 97%.

“E’ ormai assodato – prosegue la nota - , dagli studi clinici internazionali, che la mortalità delle donne sottoposte a TC elettivo è circa 4 volte superiore a quella delle donne che partoriscono per via vaginale e le principali cause di morte sono: emorragia, sepsi, embolia polmonare e problemi anestesiologici. Mentre la morbosità (endometrite, anemia severa, infezioni delle vie urinarie, trombo embolie) è di circa 8 volte superiore nelle donne sottoposte a TC elettivo. Nel neonato invece la patologia respiratoria neonatale (RDS) dopo un TC elettivo a 37 settimane di gravidanza, è di 4 volte superiore a quella che insorge dopo una nascita spontanea. Le ostetriche italiane chiedono di essere protagoniste nel disegnare i nuovi modelli di assistenza in area materno infantile promuovendo attraverso una reale integrazione territorio-ospedale la continuità delle cure, ponendosi con competenza al fianco delle donne e creando con esse una vera e propria alleanza. La Federazione delle ostetriche italiane, per voce della sua presidente, si dice fermamente convinta che l’impegno del Governatore della Campania De Luca e del Commissario Straordinario, Polimeni, nel processo di de-medicalizzazione della nascita, saranno diretti, anche, a valorizzare il ruolo e la funzione dell’ostetrica per un minor ricorso al TC inappropriato, la minor incidenza di morbilità materno fetale, per minor ricorso a overtreatment ed una maggiore compliance della gestante”.

08 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy