Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 05 GIUGNO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Appropriatezza. Lo strappo Snami: “Macché apertura. Lorenzin tolga il decreto o si dimetta”. E poi su incontro giovedì: “Solo un teatrino. Noi fuori dall'Intersindacale”

di L.F.

Il secondo sindacato per numeri della medicina generale si smarca dall'Intersindacale: “Ci siamo sfilati dall’Intersindacale perché siamo contrari a questa gestione della protesta. Giovedì la riunione sarà un teatrino. E sciopero sarà revocato”. E al ministro: “I ‘colpi’ che sta attestando stanno rendendo più fragile il sistema sanitario pubblico”

15 FEB - Il presidente del Sindacato autonomo Angelo Testa interviene sul decreto appropriatezza e in una lettera diretta al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin critica il suo operato sul decreto (e non solo) fino a chiederne le dimissioni. Duri alcuni passaggi della missiva: “I «colpi» che Lei sta attestando stanno rendendo più fragile il sistema sanitario pubblico”. E ancora: “Il suo fare ed il suo perpetuare ostinatamente gli errori ottiene il risultato di mettere i pazienti contro i medici”.

Una dura presa di posizione del sindacato, che si è sganciato anche dall’intersindacale. Così abbiamo chiesto al presidente Testa di spiegarci lo Snami pensiero.

Presidente, ha scritto una lettera al Ministro Lorenzin sul decreto appropriatezza molto dura in cui ne chiede le dimissioni.
Credo che l’unica cosa che dovrebbe dire il Ministro è di aver sbagliato e fare un passo indietro. Ma non ho visto 'teste saltare', né la sua, né quelle di altri.


Non è rimasto soddisfatto dell’esito del confronto Governo, Regioni, Fnomceo?
Assolutamente no. Anche perché il decreto non è stato abrogato e poi ci sembra che il Ministro sull’appropriatezza ha tenuto fuori i sindacati coinvolgendo solo la Fnomceo. Assurdo, ci sentiamo presi in giro.

Ma Lorenzin vi ha convocato per giovedì.
Da quanto ci risulta l’incontro è solo sulle motivazioni dello sciopero. Insomma, Lorenzin sbaglia approccio anche adesso che ha finalmente riconosciuto che il decreto ‘taglia esami’ è tutto è sbagliato. Quindi mi faccia dire: macché apertura. Apertura su cosa? Come ho già sentito da qualche altro sindacato. Il problema sa qual è?

No…
Come le dicevo il decreto, una legge non può essere sospesa così sic et simpliciter. Fra un anno o due un funzionario zelante delle regioni salterà fuori con questo decreto e dirà dove sta scritto che è stato sospeso? Insomma sarà il caos anche perché le sanzioni ci saranno. Ecco perché ripeto: il decreto va abrogato.

Ma torniamo alla riunione di giovedì.
Che vuole che le dica. Sarà un teatrino, e vedrà che probabilmente si ritirerà lo sciopero solo perché il Ministro farà qualcosa. Ebbene, noi siamo completamente all’opposto. Ci siamo sfilati per questo dall’Intersindacale. Non parteciperemo alla manifestazione di Napoli perché non condividiamo il modo di fare la protesta, anche perché non ci è piaciuta com’è andata a Roma. Faremo lo sciopero ma non parteciperemo a nulla e c’è una posizione di forte rottura.
 
L.F.

15 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy