Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 22 GIUGNO 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Blocco contratti. Infermieri Nursind ricorrono alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per ottenere risarcimento

L'iniziativa del sindacato della professione infermieristica è promossa all'interno della nuova Confederazione Generale Sindacale, nata dalla confluenza all’interno di un progetto comune di quattro Federazioni. Obiettivo dei ricorrenti è ottenere la condanna del Governo a risarcime i lavoratori per il mancato rinnovo dei contratti dal 2010 al 2015.

25 FEB - Il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, promuove un ricorso presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per il mancato rinnovo del contratto del pubblico impiego. E lo fa in qualità di componente della nuova Confederazione Generale Sindacale, nata dalla confluenza all’interno di un progetto comune di quattro Federazioni: FGU (Federazione Gilda-Unams) nella Scuola, FLP (Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche) nei Ministeri, nelle Agenzie fiscali e nella Presidenza del Consiglio, appunto Nursind (Sindacato delle Professioni Infermieristiche) nella Sanità e Unione Artisti UNAMS negli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale.

Obiettivo dell’iniziativa, spiega una nota, è ottenere la condanna del Governo a risarcire i ricorrenti per il mancato rinnovo dei contratti dal 2010 al 2015 e la mancata riapertura dei tavoli contrattuali con adeguate risorse proprio a partire dal mese di luglio 2015 come previsto dalla stessa sentenza della Corte Costituzionale.

“Ricordiamo che la Legge di stabilità 2016 stanzia la cifra irrisoria di 5 euro lordi mensili! Un indennizzo monetario che si stima essere superiore ai 5.000 euro per i dipendenti del comparto e ben più alto per l’area dirigenziale. Un ricorso che prevediamo possa avere il suo esito entro due anni e che è direttamente esecutivo chiamando in causa direttamente il governo a risarcire quei lavoratori faranno ricorso attraverso questa iniziativa”.

Nei prossimi giorni verrà messo a disposizione tutto il materiale necessario per procedere singolarmente al ricorso e saranno spiegate le modalità di adesione che sarà aperta a tutti i lavoratori del pubblico impiego.

La macchina organizzativa si è già messa in moto in quanto i ricorsi dovranno essere depositati presso la Corte dei Diritti dell’Uomo entro i limite massimo di sei mesi. In un apposito sito saranno inoltre disponibili tutte le informazioni e la documentazione necessaria. “Sull’esito positivo della vertenza – conclude la nota - siamo particolarmente fiduciosi anche perché confortati da un pool di avvocati particolarmente esperti in questo ambito”.
 

25 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy