Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 29 SETTEMBRE 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medici competenti. Ministero Salute: “Sanatoria per chi riuscirà a colmare il debito formativo del 2011-2013 entro il 30 giugno”


Così il dicastero ha risposto ad una richiesta di chiarimenti avanzata dalla Fnomceo. Potranno avvalersi di questa facoltà tutti i medici competenti che hanno acquisito, entro dicembre 2014, almeno il 50% dei crediti Ecm previsti per il triennio 2011-2013. Una volta sanato entro il 30 giugno prossimo il debito formativo precedente, potranno da subito reiscriversi nell'Elenco nazionale medici competenti. LA RISPOSTA DEL MINISTERO

18 MAR - Pronta reiscrizione nell’Elenco dei Medici Competenti per tutti i professionisti che, essendo nelle condizioni di usufruire della “sanatoria” prevista dal decreto Ministeriale del 26 novembre 2015 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 10 febbraio scorso), riescano, entro il 30 giugno, a colmare il debito formativo dello scorso triennio, 2011 – 2013, anche se non ancora “in pari” con i crediti del triennio in corso. A dirlo è il ministero della Salute, in risposta a una richiesta di chiarimenti della Fnomceo. 

Chi può avvalersi di questa facoltà? I medici competenti che hanno acquisito – entro dicembre del 2014 - almeno il 50% dei crediti ECM previsti per triennio 2011 – 2013 sono senz’altro nelle condizioni di usufruire della cosiddetta “sanatoria” prevista dal decreto Ministeriale del 26 novembre 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 10 febbraio scorso, che ha modificato, introducendo all’articolo 2 il comma 2 bis, il DM 4 marzo 2009, di istituzione dell’Elenco Nazionale dei Medici competenti in materia di tutela e sicurezza sul lavoro. Avranno quindi tempo sino al 30 giugno prossimo per completare il percorso formativo e conseguire i crediti mancanti. E, una volta colmato il debito formativo del precedente triennio, potranno, sin da subito, reiscriversi nell’Elenco dei Medici Competenti, dal quale il ministero della Salute li aveva cancellati, anche nelle more del conseguimento dei crediti del triennio in corso, per ottenere i quali avranno tempo sino al dicembre del prossimo anno.


Tutto chiaro, dunque. Ma cosa succede a quei medici che non possono avvalersi del “comma 2 bis” perché avevano acquisito meno del 50% dei crediti dello scorso triennio? Anche qui arriva la risposta del Ministero: "Per reiscriversi, dovranno necessariamente completare il programma di aggiornamento 2014-2016, con il conseguimento del 70% dei crediti previsti nella disciplina “medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro”.

“Ovviamente – conclude il Ministero - il mancato completamento del totale dei crediti previsti per il triennio, entro il termine massimo della fine del prossimo anno, darà luogo nuovamente alla cancellazione dall’elenco nazionale, per carenza del requisito dell’aggiornamento, di cui al comma 3 dell’art. 38 del D.Lgs. 81/08”. 

18 marzo 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy