Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 FEBBRAIO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Chiropratica. Federazione Mondiale e Università straniere scrivono al Parlamento e a Lorenzin: “Deve restare professione primaria”

A sottoscrivere l'appello anche i rettori di importanti università degli USA, Canada, Regno Unito, Australia, Francia, Danimarca e Sudafrica che parlano di evidente contrasto della legislazione italiana rispetto al contesto internazionale. Williams (Aic): “Vera disfatta per la legislazione italiana. Ddl Lorezin sia modificato. Ci declassa a professione tecnica”.

05 LUG - La Federazione mondiale di chiropratica e i rettori di alcune delle maggiori università estere (USA, Canada, Regno Unito, Australia, Francia, Danimarca e Sudafrica) stanno inviando in questi giorni lettere ai palamentari e al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin chiedendo di riconsiderare la decisione di declassare la chiropratica a professione tecnica che avverrebbe, secondo gli estensori dell'appello, se venisse approvato il ddl Lorenzin sulla riforma degli ordini in discussione alla Camera dopo il sì del Senato.
 
Per i firmatari, la legislazione italiana è in contrasto con il contesto internazionale, dove i chiropratici vengono considerati alla stregua dei medici, una professione primaria. A rendere nota l’iniziativa delle Università estere è l’Associazione Italiana Chiropratici (Aic). Che evidenzia: “In realtà, anche in Italia i chiropratici finora erano considerati una professione primaria, così come previsto dalla Legge 244/07. L’attuazione di questa Legge sarebbe dovuta avvenire entro sei mesi dalla sua emanazione, ma a distanza di otto anni non è mai arrivata”.


I chiropratici, per voce del presidente John Williams, chiedono ora una modifica in extremis del disegno di legge e parlano di “una vera disfatta della legislazione italiana a scapito della libera scelta di cura garantita ai cittadini dalla Costituzione”.

“La chiropratica non utilizza farmaci e conta centinaia di migliaia di pazienti in Italia - spiega Williams -. Tutti gli studi internazionali dimostrano la sua efficacia nella riduzione dei costi dei sistemi sanitari e i benefici sulla qualità della vita dei pazienti. In Italia, invece, a livello normativo è stata oggetto di un emendamento che ha di fatto annullato le intenzioni iniziali del Ministro Lorenzin. Chiediamo – continua Williams - da sempre un percorso universitario non inferiore a cinque anni, così come prescritto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità oltre all’attuazione del registro dei chiropratici, unica arma contro l’abusivismo, anche in Italia”.

A rischio ci sono anche degli investimenti nel nostro Paese. “Lo scorso anno – spiega infatti l’Aic - una delle più rappresentative università americane, la Life University, aveva annunciato la nascita del primo corso di laurea a Roma nel 2018. Un investimento di svariati milioni di euro, che avrebbe permesso anche agli aspiranti chiropratici italiani di poter avere in patria un’università riconosciuta a livello internazionale. Ora, però, la stessa università sarebbe pronta a ritirare visto il cambiamento normativo in atto”.

05 luglio 2016
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Le lettere

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy