Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 27 LUGLIO 2017
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ambulanze con solo infermieri. L’Irc contro l’Ordine di Bologna: “Presa di posizione sbagliata e pericolosa”

Il presidente dell’Italian Resuscitation Council, Federico Semeraro, dopo la sospensione del direttore sanitario dell'Ausl Bologna dall'Ordine dei Medici di Bologna. “La presa di posizione dell’Ordine non è in linea con le moderne evidenze scientifiche e con le raccomandazioni internazionali e instaurare nel cittadino il dubbio che il proprio soccorritore non sia in grado di gestire la situazione è sbagliato e pericoloso”.

14 MAR - L’Italian Resuscitation Council (Irc) interviene sulla decisione dell’Ordine dei Medici di Bologna di sospendere Angelo Fioritti, Direttore Sanitario dell’AUSL di Bologna, reo di “aver tradito” la professione a seguito dell’approvazione di protocolli che consentono agli infermieri specializzati di agire, in caso di emergenze, da soli a bordo della ambulanze, anche senza la presenza di un medico.Quella di Fioritti va ad aggiungersi alle altre sanzioni nei confronti di altri 9 medici coinvolti nella vicenda che ha colpito, ricorda l’Irc, “personaggi come Giovanni Gordini, Direttore del Dipartimento Emergenza dell’AUSL, Cosimo Picoco, Responsabile del 118 e Nicola Binetti, Direttore del Pronto Soccorso dell’Area Nord”.

Per l’Irc “in situazioni di emergenza come l’arresto cardiaco, l’infarto del miocardio, lo shock anafilattico, l’ipoglicemia grave e altre condizioni tempo dipendenti, la tempestività può salvare la vita e per questo motivo è necessario garantire un trattamento precoce sul territorio da parte di personale specificatamente formato, indipendentemente dal ruolo che ricopre”.


Per questo “crediamo – commenta Federico Semeraro, Presidente Italian Resuscitation Council - che la presa di posizione dell’Ordine dei Medici di Bologna non sia in linea con le moderne evidenze scientifiche e con le raccomandazioni internazionali ma, anzi, sia controproducente: instaurare nel cittadino il dubbio che il proprio soccorritore non sia in grado di gestire la situazione è sbagliato e pericoloso.”

“Dobbiamo diffondere la cultura del primo soccorso in tutto il Paese - dichiara Giuseppe Ristagno, Coordinatore del Comitato Scientifico di Italian Resuscitation Council - creare una condivisione di competenze essenziali e un coordinamento tra i vari professionisti della salute tale per cui si riesca a garantire una gestione dell’emergenza in tempi rapidi per salvare la vita al paziente, anche qualora sia necessario ricorrere alla somministrazione di farmaci salvavita come l’adrenalina o il glucosio. Focalizziamoci sulla formazione del personale sanitario piuttosto che sulla sua specializzazione”

14 marzo 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy