Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 LUGLIO 2017
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Tempario prestazioni specialistiche. Per la Cimo Lazio “assurdo e pericoloso. Intervenga l’Omceo Roma”

Il sindacato chiede alla Regione il ritiro immediato del decreto, che sarebbe anche “in conflitto con il codice di deontologia medica” che prevede per l’atto medico “libertà, indipendenza, autonomia e responsabilità”. Per la Cimo Lazio il problema delle liste d’attesa, peraltro, non sono i tempi, ma “le insufficienti dotazioni di risorse umane e le incapacità organizzative”.

11 LUG - “Un provvedimento inapplicabile e seriamente pericoloso per la salute dei cittadini, che va anche contro la deontologia medica”. Così Renato Andrich, delegato del segretario Regionale Cimo Lazio, contesta duramente il Decreto del Commissario ad Acta dello scorso 28 giugno e chiede al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, di “ritirarlo subito e concordare con le organizzazioni sindacali dei medici delle misure più corrette ed efficaci”.
 
“Con questo DCA – dichiara Andrich - la Regione intende dettare un rigido tempario per alcune prestazioni specialistiche ambulatoriali, con l'intento di abbattere le liste d’attesa, le cui principali cause, invece, sono le insufficienti dotazioni di risorse umane e le incapacità organizzative. Pensiamo a un oncologo, limitare una sua visita specialistica a venti minuti non è solo assurdo, è disumano e soprattutto seriamente pericoloso per la salute dei cittadini. Pensiamo anche a gravi errori tecnici nella definizione dei tempi previsti per alcuni esami di diagnostica per immagini”.

 
Per Cimo Lazio, inoltre, “questo DCA entra in conflitto con il codice di deontologia medica, che ha valenza di legge, e che i medici sono tenuti a rispettare. All'art. 4, del codice di deontologia medica, si richiedono per l'atto medico ‘libertà, indipendenza, autonomia e responsabilità’, requisiti che non possono di certo essere rispettati se il professionista deve misurare il tempo della sua prestazione senza preoccuparsi del paziente e dei suoi reali bisogni. All’art.68, invece, si dice che ‘il medico, in caso di contrasto tra le regole deontologiche e quelle della struttura in cui opera, sollecita l'intervento dell'Ordine al fine di tutelare i diritti dei pazienti e l'autonomia professionale’”.

“Chiediamo anche all’Ordine dei Medici di Roma di pronunciarsi su questa vicenda – conclude Andrich - e promettiamo ai medici del Lazio che continueremo a vigilare e a impegnarci fino all'abrogazione di questo iniquo decreto che impedisce la correttezza della loro attività professionale”.

11 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy