Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 26 SETTEMBRE 2017
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Vaccinazioni in farmacia. Per Federfarma Verona “fondamentale per aumentare le adesioni”

Per il presidente del sindacato dei titolari di farmacia veronesi, Marco Bacchini“si tratterebbe di un servizio pratico rivolto alla popolazione dove tutte le professionalità sanitarie coinvolte”, come i medici o gli infermieri, “opererebbero rispettando il proprio ruolo per il bene della comunità”.

12 LUG - “Un ampio lavoro di squadra per assicurare la più estesa copertura vaccinale”. Il presidente di Federfarma Verona, Marco Bacchini, si esprime così a favore dell’ipotesi in discussione di permettere la somministrazione dei vaccini anche in farmacia. Per Bacchini, infatti, “la farmacia è in grado di fornire la corretta tracciabilità dei farmaci, utilizzati sempre da un medico che, se decidesse di avvalersi della professionalità di un infermiere, dovrebbe comunque sovrintendere alle vaccinazioni”.

Per il presidente di Federfarma Verona, dunque, “l’emendamento D’Ambrosio Lettieri, Mandelli, Rizzotti approvato a Palazzo Madama si rende a mio avviso indispensabile anche a seguito della nuova obbligatorietà vaccinale infantile decisa dal Ministero della Salute che si preoccupa anche delle zone rurali, montane e comunque a bassa densità abitativa dove tutti i servizi e in primis quelli sanitari sono stati progressivamente ridotti fino a scomparire lasciando a presidio solo la farmacia territoriale che è diventata così un riferimento indispensabile per la popolazione”.

 
“La farmacia - prosegue Bacchini - avrebbe dunque il compito di mettere a disposizione di medici, infermieri e pazienti, spazi idonei dal punto di vista igienico-sanitario e facilmente raggiungibili dalla cittadinanza. È evidente che la somministrazione degli stessi vaccini, anche di quello antinfluenzale, avverrebbe comunque con la consueta prescrizione da parte del medico”.

“L’Italia in questo modo – conclude il presidente di Federfarma Verona - sarebbe il decimo Paese dell’Unione Europea a consentire la vaccinazione in farmacia senza arrivare, però, al caso della Gran Bretagna dove sono gli stessi farmacisti a praticare le iniezioni. Quindi si tratterebbe di un servizio pratico rivolto alla popolazione dove tutte le professionalità sanitarie coinvolte opererebbero rispettando il proprio ruolo per il bene della comunità”.

12 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy