Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 OTTOBRE 2017
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Specializzazioni mediche. Bovenga (Fnomceo): “Servono almeno mille contratti in più. Altrimenti i pensionati non verranno sostituiti”

Il Consiglio Nazionale della Fnomceo aveva già lanciato l'allarme: i contratti di formazione medica specialistica finanziati dallo Stato sono insufficienti. Secondo le stime dei rappresentati di categoria dovrebbero essere circa mille in più. Ora, in attesa che arrivi l'ok definitivo al decreto che ne prevede poco più di 6 mila, anche il Segretario della Fnomceo, Sergio Bovenga lancia il suo appello: “speriamo che questi numeri possano essere aumentati”.

31 LUG - Saranno 6.105 i contratti di formazione medica specialistica finanziati dallo Stato: è questo il contenuto del Decreto firmato qualche giorno fa dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Il provvedimento dovrà ora passare al vaglio del ministero dell’Istruzione Università e Ricerca e a quello del ministero dell’Economia e Finanze.

“L’auspicio è quello che, in questo percorso, i numeri possano essere aumentati – ha commentato il Segretario della Fnomceo, Sergio Bovenga -. Secondo le stime della Fnomceo e dei Sindacati Medici, infatti, occorrerebbero almeno mille contratti di formazione in più. E questo per non trovarci, nei prossimi dieci anni, con l’ondata dei medici della famosa gobba pensionistica che usciranno dal mondo del lavoro e che non troveranno un numero sufficiente di colleghi già specializzati pronti a sostituirli”.

L’allarme è stato lanciato da Fnomceo ancora il 14 luglio scorso, in occasione dell’ultimo Consiglio Nazionale: i presenti tra i 106 presidenti d’Ordine d’Italia hanno infatti approvato all’unanimità una mozione sulla Formazione, che invitava proprio a “incrementare di circa mille borse annuali i contratti di formazione specialistica post-laurea o di quanto necessario per coprire il fabbisogno derivante dal pensionamento nel prossimo decennio degli specialisti operanti nel SSN”.

 
Ora, invece, il Decreto del Ministero della Salute, che propone un numero di contratti di poco superiore a quello dello scorso anno. Una volta concluso l’iter, ai posti previsti dal Decreto interministeriale andranno ad aggiungersi quelli – in genere il numero si aggira intorno ai 500 - finanziati dalle Regioni.
 

31 luglio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy