Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 GENNAIO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Formazione medica. Anaao boccia il documento delle Regioni. “Idee vecchie, non riconoscono le figure professionali e danneggiano il Ssn”


“Lanciare oggi l’allarme sul deficit di medici specialisti e di medici di medicina generale significa ammettere il colpevole silenzio con il quale le Regioni hanno seppellito i numeri disponibili già da 7 anni", commenta il sindacato che sollecita un confronto tra Governo e Regioni a cui però siano chiamate anche le rappresentanze del mondo professionale e sindacale dei medici che "non possono essere escluse".

22 SET - L’Anaao boccia il documento della Commissione salute delle Regioni, approvato dai presidenti  e presentato ieri ai ministri della Salute e dell’Università: sa di già visto, o meglio, già bocciato.

Idee vecchie, senza nemmeno un vestito nuovo,  che si rianimano a distanza di 2 anni dal letargo in cui è stato lasciato il tavolo aperto presso il ministero della Salute, dopo l’incontro con le organizzazioni sindacali della dirigenza sanitaria e dei medici convenzionati con il Governo, sull’articolo 22 del Patto per la salute, è il giudizio secco del sindacato.

“Lanciare oggi l’allarme sul deficit di medici specialisti e di medici di medicina generale – si legge nel commento dell’Anaao al documento regionale - significa ammettere il colpevole silenzio con il quale le Regioni hanno seppellito i numeri disponibili già da 7 anni. E nessun intervento oggi può essere “tempestivo”, tanto meno la riedizione del tank shifting con il quale si mira a sostituire dirigenti medici formati con laureati di cui è incerto lo stato giuridico e la job description, ma certo è il costo pari a quello di un infermiere. Personale di supporto da tenere parcheggiato ad invarianza di organico fino a svuotare la dirigenza medica e dilapidare il vantaggio competitivo nei confronti delle altre professioni sanitarie rappresentato dal suo capitale formativo”.


Secondo il sindacato degli ospedalieri, pur di “non disturbare l’Università, le Regioni rinunciano a percorrere l’unica via risolutiva che ci indica l’Europa, cioè assumere a tempo determinato i medici laureati a scopo formativo, non suscettibili quindi di essere sostitutivi di alcun pezzo della dotazione organica assistenziale”.

Continuare su questa strada – aggiunge l’Anaao - significa voler fare del male al Ssn e non riconoscere che le figure professionali sono caratterizzate da irripetibilità delle loro conoscenze e competenze. Pensare di sostituire ad isorisorse, anzi spendendo meno, un medico formato da anni di studio con un neo-laureato, in una versione sanitaria del grillino "uno vale uno", è pura illusione. Una scelta sconsiderata che prepara la Ryan air della sanità italiana, una fuga dei professionisti verso il privato alla ricerca di migliori condizioni di lavoro. A tirare troppo la corda si finisce con spezzarla”.

Il sindacato quindi sollecita un confronto urgente tra Governo e Regioni che chiedono “finalmente” un ruolo da protagonista nella programmazione e nella formazione medica per valorizzare il ruolo formativo del Ssn, ma non senza passare però, aggiunge dalle rappresentanze del mondo professionale e sindacale dei medici italiani che non possono e non devono essere escluse.

22 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy