Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medici Ue: sistemi e regole differenti, ma criticità comuni

I medici italiani e i loro colleghi europei si somigliano sempre di più: le condizioni di lavoro sono sempre più pesanti, i rischi medico legali aumentano e cala diffusamente il potere di acquisto delle loro retribuzioni. Note comuni in sistemi sanitari differenti sui quale incombe la crescente carenza di personale. È quanto è emerso nel corso del Convegno organizzato a Catania dall'Anaao Assomed e la Federazione europea dei medici salariati

30 SET - Se il medico italiano è in sofferenza, i colleghi europei non se la passano meglio. Entrambe sono sottoposti a un pressing crescente da parte delle amministrazioni che tagliano personale e chiedono di far quadrare i conti. Sono sempre più schiacciati tra l'incudine e il martello dei contenziosi medico legali. Subiscono il depauperamento del potere di acquisto delle loro retribuzioni. Stesse criticità, ma in sistemi sanitari differenti. È questo in sintesi il quadro dei medici nella Ue tracciato nel corso del Convegno "Le condizioni di lavoro del medico in Europa", organizzato a Catania dall'Anaao Assomed e la Fems (Federazione europea dei medici salariati).

“C’è un tratto comune in tutti i Paesi, soprattutto in momenti di crisi – ha spiegato Costantino Troise, segretario nazionale dell'Anaao Assomed – il medico nelle organizzazioni sanitarie viene considerato soprattutto come un fattore di produzione e per di più costoso, e quando si tratta di ristrutturare e quindi di tagliare siamo un bersaglio certo, anche perché non veniamo considerati come una risorsa. Non solo, in quanto fattore di produzione siamo chiamati ad aumentare la produttività , quindi a parità di costo dare di più, ma non si considera che questo crea problemi di sicurezza: in sanità esistono dei limiti fisiologici e di buon senso che non possono essere superati”.

Carenza medica. Uno dei pericoli che minacciano la categoria - come evidenziato da un ampio documento della Commissione Europea (Green paper on health workforce) - è il calo del numero complessivo dei medici, con la crescente migrazione verso Paesi dove le condizioni, specie di tipo retributivo, sono migliori. Il rischio è che tale fenomeno migratorio porti non solo a un depauperamento delle risorse professionali, ed anche alla conseguente migrazione dei pazienti e quindi alla perdita di risorse economiche e alla messa in discussione dei sistemi sanitari pubblici.  La mobilità è così più diffusa dai più poveri ai Paesi più ricchi, ma anche quelli più ricchi, come Irlanda, Inghilterra, Germania, perdono personale sanitario. Inoltre pochissimi Paesi hanno politiche di migrazione specifica o di accordi bilaterali per il reclutamento dei professionisti della salute.

Errore medico.Tutti i Paesi devono poi dare i conti con il tema dell’errore medico e della connessa responsabilità professionale, ma le soluzioni adottare non sono omogenee. Accanto a quelle di tipo giudiziario esistono procedure che mirano all’indennizzo dei danni prescindendo dall’individuazione della colpa.  Solo in Italia si registra una marcata tendenza a ricorrere al penale, con gravi conseguenze sull’immagine del medico. “Tra le nazioni che hanno difficoltà a reperire dati sui diversi aspetti della responsabilità medica – ha affermato Enrico Reginato, Vice Presidente Fems - la percezione degli errori medici come problema da parte dei cittadini è molto elevata in Italia (97%) e in Lituania (90%), alta in Portogallo (77%) e moderatamente alta nella Slovacchia (65%), mentre l’esperienza personale con incidenti negli ospedali è piuttosto bassa eccetto in Lituania dove è piuttosto alta 26%”. I cittadini di questi Paesi sono quelli più preoccupati per gli errori medici (Lituania 70% Italia 60% Portogallo 50%, Slovacchia 41%), ma sono anche i più preoccupati per la sicurezza dei pazienti in ospedale (69% Italia, 65% Lituania, 55% Portogallo). In Slovacchia i cittadini hanno un'elevata fiducia che i medici non facciano errori (83%,  mentre in Italia e Portogallo è del 68%, molto bassa in Lituania 35%.

In Francia e nel Regno Unito i cittadini hanno un elevato grado di fiducia che i medici non facciano errori 86% in Francia, 79% Regno Unito, mentre in Germania la percentuale è 63%. In questi Paesi sono state portate avanti iniziative per migliorare la mutua comprensione fra la professione medica e quella legale.

Stipendi diversi e regole differenti. Paese che vai salario che trovi. È proprio il caso di dirlo almeno per quanto riguarda gli stipendi dei camici bianchi nella Ue. Ogni Paese segue una propria strada. Di certo i salari, negli ospedali, incidono sui due terzi dei costi totali, e così il loro taglio rappresenta un metodo immediato per risparmiare. “I dati raccolti sui salari dei medici europei – ha detto Rosario Grosso, Delegato Anaao Assomed alla Fems – riflettono la situazione economica dei singoli Stati e incidono per il 60-65% dei costi totali. L’Italia si posiziona tra i primi Paesi per la retribuzione delle figure apicali, che sono comunque un numero minimo, mentre per le figure intermedie rimane in linea con i paesi dell’Europa occidentale”.

Impervio comparare le buste paga dei medici Ue, anche perché sul fronte contrattuale le differenze tra gli Stati sono numerose e il costo della vita varia da Paese a Paese.  In alcuni Stati, come il Lussemburgo, non esistono contratti di lavoro per i medici e la loro retribuzione è decisa in base a rapporti privatistici individuali, in altri Paesi, come la Bulgaria, esiste solo un salario minimo, i livelli superiori sono decisi localmente ed individualmente. In Belgio i medici universitari hanno un rapporto di dipendenza, mentre gli ospedalieri hanno un rapporto di carattere libero-professionale. Comunque dall’analisi dell’Anaao è emerso che in alcuni Paesi - Finlandia, Francia, Germania, Polonia, Slovenia - il salario minimo dei medici è pari al salario medio nazionale; in Belgio, Danimarca, Italia, Olanda e Slovacchia il salario minimo dei medici è superiore al salario medio nazionale; in Austria, Irlanda, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia and Regno Unito, il salario medio è collocato fra i valori minimo e massimo dei salari dei medici; in alcuni casi il salario massimo dei medici è uguale al salario medio nazionale (Grecia e Malta) o persino inferiore (Repubblica Ceca e Ungheria). In alcuni Paesi come Francia e Slovenia, i medici riescono attraverso scatti automatici di anzianità, a raggiungere stipendi consistenti, mentre in altri Paesi lo stipendio è legato alla posizione, come i Consultants inglesi. 

30 settembre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy