Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 FEBBRAIO 2023
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Emergenza-urgenza. Martini: “In Italia standard di qualità. Ora puntare a continuità assistenziale"


In occasione delle Giornate internazionali di emergenza, che si svolgeranno a Palermo il 21 e 22 ottobre, il sottosegretario alla Salute “esprime apprezzamento a coloro che quotidianamente contribuiscono all’erogazione di servizi come quelli di emergenza”.

20 OTT - Nei paesi occidentali il politrauma costituisce la principale causa di morte nei soggetti di età inferiore ai 45 anni e causa di invalidità permanente in un numero ancora maggiore con un enorme impatto sulla qualità della vita dei pazienti e sull’intero sistema sanitario nel suo complesso.
Gestire correttamente l’assistenza al paziente politraumatizzato significa ridurre la mortalità e la morbilità, attenuare la criticità del decorso e restituire le persone alla loro attività lavorativa e vita sociale. E l’Italia può contare su un “sistema di emergenza-urgenza per la gestione del paziente politraumatizzato che possiede standard diffusi ed attestati di qualità sia nella fase acuta con il trattamento precoce e la stabilizzazione in loco del paziente, sia in quella di ricovero con l’utilizzo di protocolli e procedure basati su dati riconosciuti dalla comunità scientifica”. A sostenerlo è il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, nel messaggio inviato alle “Giornate Internazionali di Emergenza” che si svolgeranno a Palermo il 21 e 22 ottobre.
Il primo pensiero del sottosegretario è andato però ai professionisti e “a tutti coloro che quotidianamente contribuiscono con elevata professionalità ed impegno all’erogazione di servizi così delicati come quelli di emergenza”, a cui Martini ha voluto esprimere “un sentito apprezzamento”.
“L’assistenza al paziente politraumatizzato – ha ricordato il sottosegreatario - si configura come un processo volto a consolidare il lavoro d’équipe e multidisciplinare nell’obiettivo di restituire alla persona la migliore qualità di vita possibile sul piano fisico, funzionale, sociale ed emozionale. Un obiettivo di alto valore etico di cui voi tutti siete i primi protagonisti. Molto è stato fatto in questi ultimi anni in termini di confronto anche a livello internazionale”. Il Piano Sanitario Nazionale 2011-2013, ha quindi sottolineato Martini in conclusione, “prevede quale elemento fondamentale per garantire la continuità dell’assistenza in emergenza, la realizzazione e il completamento della rete delle acuzie ad alta complessità assistenziale”.
 

20 ottobre 2011
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy