Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 SETTEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Croce Rossa. I sindacati: “Vogliono farla a pezzi”. Manifestazione il 26 ottobre

“Vogliono farla a pezzi e licenziare più di 2.000 persone” denunciano Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Pa, Sinadi, Fialp Cisal, Usb e Ugl Intesa e bocciano la bozza del dlgs che riorganizza la Croce Rossa Italiana. Manifestazione sotto Palazzo Chigi il 26 ottobre.

21 OTT - “Abbiamo preso visione della bozza di un dlgs – spiegano i Sindacati -  con la quale si trasformano i comitati provinciali e locali della Croce Rossa in associazioni di diritto privato e conseguentemente si riduce la struttura al solo Comitato Centrale e a quelli regionali”. “L'intero provvedimento – si legge in una nota congiunta - è strumentalmente motivato con la riduzione del debito ma non è in grado di disegnare un servizio che garantisca almeno le stesse prestazioni oggi erogate. Non è una riforma ma una operazione ragionieristica fatta in massima parte sulla pelle della cittadinanza dei lavoratori e delle lavoratrici”.

Rischio licenziamenti. Per le associazioni dei lavoratori “si prevede che i dipendenti a tempo indeterminato in servizio presso gli attuali comitati locali e provinciali possano o rimanere con un contratto privato, oppure, se non riescono a ricollocarsi in altre pubbliche amministrazioni, messi nelle liste di mobilità e poi licenziati”. Ai sindacati questo non va. “È evidente che questa previsione è del tutto irrealistica e ai confini con l'insulto all'intelligenza dei lavoratori. Si prevede il licenziamento per tutti i lavoratori precari alla scadenza del loro contratto di lavoro. Parliamo di persone che svolgono la loro attività,  di rinnovo in rinnovo,da anni e , alcuni da decenni. Bel modo di guarire il malato, uccidendo quelli che lo tengono in vita”.


“Abbiamo sempre attaccato gli sprechi ovunque – prosegue il comunicato - si annidassero ma una cosa è un progetto di riforma, un piano di rientro dal debito, una accurata gestione del patrimonio immobiliare  che certamente non può essere una svendita, altra cosa è ridurre i compiti di assistenza e urgenza svolti in tutta Italia con la professionalità riconosciuta ai dipendenti della Croce Rossa ad una mera operazione contabile”.

"Siamo pronti a discutere - conclude la nota - sia la riforma che il risanamento e per questo chiediamo urgentemente un incontro con il Governo, ma decisamente contrari ad un progetto che non migliora la funzionalità del servizio reso ai cittadini e che riduce i lavoratori e le lavoratrici a numeretti su una calcolatrice, per questi motivi indiciamo fin d’ora, una manifestazione per Mercoledì 26 ottobre a Palazzo Chigi ed all'esito avvieremo le procedure per l'indizione di uno sciopero nazionale, laddove l’incontro richiesto non produca le indispensabili modifiche".

21 ottobre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy