Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 08 AGOSTO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Croce rossa. Sit-in a Montecitorio contro il ridimensionamento


La protesta, organizzata unitariamente da 7 organizzazioni sindacali, è andata in scena questa mattina per contestare il Dlgs che riorganizza la CRI e per scongiurare la minaccia di licenziamento di oltre 2 mila lavoratori.

26 OTT - “Nessuna riduzione di organico, nessun ridimensionamento: subito una riorganizzazione vera che rilanci la CRI”. È quanto richiesto questa mattina, nel corso di un sit-in di protesta a Montecitorio, da 7 organizzazioni sindacali riunitesi per bocciare il Dlgs che riorganizza la Croce rossa italiana e per scongiurare la minaccia di licenziamento che riguarda oltre 2 mila lavoratori.

Queste le sigle sindacali scese in piazza: Fp-Cgil, Cisl Fp, Uil Pa, Sinadi, Fialp-Cisal, Usb, Ugl,-Intesa.

Questi, invece, i nodi della protesta: la trasformazione dei comitati provinciali e locali della Croce Rossa in associazioni di diritto privato, che porterebbe a ridurrebbe la struttura della CRI al solo Comitato Centrale e a quelli regionali.
 Il passaggio dei dipendenti a tempo indeterminato in servizio presso gli attuali comitati locali e provinciali ad un contratto di tipo privato, ovvero presso altre amministrazioni. Il rischio, in caso di mancato ricollocamento, di finire in una lista di mobilità/prelicenziamento. 
Il sostanziale licenziamento di tutti i lavoratori precari alla scadenza del loro contratto di lavoro.


Per i sindacati si tratta dunque di un piano di rientro dal debito pagato in massima parte con i tagli al personale e con la riduzione dei servizi al cittadino. “Invece di pensare ad una gestione virtuosa dell’ente e del suo patrimonio immobiliare, invece di riorganizzare i servizi per continuare a garantire e a sviluppare ed elevare la qualità delle prestazioni all’utenza – si legge in una nota rilasciata dai sindacati - si pensa a inaccettabili scorciatoie contabili e senza alcun riguardo né per i lavoratori, né per i cittadini, né per la CRI che è un pezzo del prestigio dell’intero Paese".


Le rappresentanze si sono dette pronte a discutere sia di riforma che di risanamento della CRI: per cambiare la bozza di decreto e scrivere un piano di riordino che tuteli tutti i lavoratori, sia a tempo indeterminato che a tempo determinato, e rilanciare l’indispensabile funzione della Croce rossa italiana.

26 ottobre 2011
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy