Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 SETTEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Convenzione Enpaf-Empapi: coperture assistenziali per i farmacisti iscritti all’Ente

Chi usufruisce dei rimborsi previsti dalla copertura assicurativa Empapi, può beneficiare dei sussidi assistenziali Enpaf per i medesimi eventi, ricorrendone i presupposti, limitatamente alla parte eventualmente non rimborsata da Empapi. La convenzione prevede una copertura sanitaria integrativa per grandi interventi chirurgici e gravi eventi morbosi, la copertura in caso di invalidità permanente superiore al 66% da infortunio e la copertura in caso di non autosufficienza. TUTTE LE INFORMAZIONI.

27 GIU - L’Enpaf ha aderito ad Empapi, l’Ente di Mutua Assistenza per i Professionisti Italiani, stipulando una convenzione in favore dei propri iscritti e dei titolari di pensione diretta Enpaf. La copertura assicurativa, attiva dallo scorso 16 gennaio, è subordinata alla condizione di regolarità contributiva del richiedente.
 
Chi usufruisce dei rimborsi previsti dalla copertura assicurativa Empapi, può beneficiare dei sussidi assistenziali Enpaf per i medesimi eventi, ricorrendone i presupposti, limitatamente alla parte eventualmente non rimborsata da Empapi. La convenzione prevede una copertura sanitaria integrativa per grandi interventi chirurgici e gravi eventi morbosi, la copertura in caso di invalidità permanente superiore al 66% da infortunio e la copertura in caso di non autosufficienza (LTC).
 
Per quanto riguarda la copertura sanitaria integrativa per grandi interventi chirurgici e gravi eventi morbosi, gli iscritti all’Enpaf ed i pensionati fruiscono, dallo scorso 16 gennaio, della copertura base Garanzia A, che copre le spese relative a grandi interventi chirurgici e gravi eventi morbosi e prevede altresì prestazioni extra ospedaliere di alta diagnostica e di terapia.

 
In aggiunta alla Garanzia A di base l’Enpaf ha attivato, sempre in forma collettiva e con onere a proprio carico, la copertura in caso di Invalidità permanente da infortunio che prevede, in caso di infortunio che comporti un’invalidità permanente superiore al 66%, la liquidazione di un indennizzo pari ad euro 60.000.

Gli iscritti che già fruiscono della copertura base – Garanzia A- erogata con oneri a carico dell’Enpaf, possono incrementare ed ampliare, a titolo individuale e volontario, con onore aggiuntivo a proprio carico, le coperture assicurative con le Garanzie B integrative (B Smart o B Plus) ed estendere tali tutele assicurative al proprio nucleo familiare.

E’ inoltre prevista la copertura in caso di non autosufficienza Long Term Care (Tutela della Non Autosufficienza/LTC), garantita da Poste Vita SpA. Tale copertura è stata attivata con l’obiettivo di alleviare le difficoltà del professionista, supportandolo, tramite l’erogazione di una rendita mensile vita natural durante, pari ad euro 1.035,00, nel caso si dovesse trovare in una condizione di non autosufficienza. Possono usufruire di tale copertura tutti i professionisti e pensionati, iscritti alle Casse ed enti di previdenza aderenti ad EMAPI, che al momento dell’attivazione della copertura non abbiano compiuto i 70 anni di età.

27 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy