Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 NOVEMBRE 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Contratto. Nursing Up: “Europa dà tempo fino al 18 settembre su reclamo contro esclusione da tavoli dei sindacati non firmatari”

Nel suo reclamo, il Nursing Up chiedeva al Comitato dei diritti sociali del Consiglio d’Europa di esprimersi sulla vicenda che vede il sindacato degli infermieri opporsi all’esclusione dai tavoli della contrattazione integrativa e decentrata nelle Aziende sanitarie ed ospedaliere italiane. Il presidente Antonio De Palma: "Il reclamo in sede internazionale ci serve per contestare la legittimità dell'art. 8 del Ccnl, per noi in contrasto sia con art. 39 Costituzione che con art. 11 Convenzione europea diritti dell’uomo".

14 SET - Il presidente della Comitato Europeo dei Diritti Sociali ha fissato la data del 18 settembre, come termine entro il quale il Governo italiano potrà presentare osservazioni sull’ammissibilità del reclamo del Nursing Up contro l'esclusione delle sigle non firmatarie del Ccnl dalle trattative integrative, nonché sulla richiesta di misure immediate. Lo fa sapere in una nota il sindacato degli infermieri Nursing Up, dopo aver ricevuto dal Consiglio d’Europa una lettera indirizzata al presidente Antonio De Palma e ai suoi legali rappresentanti.
 
“Il reclamo in sede internazionale - dichiara De Palma - è doveroso e ci serve per contestare la legittimità dell'art. 8 del Ccnl. Per noi si tratta di una norma, come più volte ribadito, in palese contrasto, sia con quanto sancito dall’articolo 39 della Costituzione, sia con l’articolo 11 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo in tema di tutela delle libertà di riunione e di associazione in cui rientrano anche le libertà sindacali”.
 
Nella missiva, il Consiglio d’Europa informa che “il reclamo datato 4 luglio 2018, presentato dal Nursing Up contro l’Italia, ha seguito correttamente la procedura dei reclami collettivi della Carta Sociale Europea”. Il suddetto procedimento, inoltre, “è stato registrato con il numero 169/2018 e trasmesso al Comitato Europeo dei Diritti Sociali”.

 
La fissazione del termine del 18 settembre prossimo è stata stabilita “in conformità con l’articolo 6 del protocollo addizionale della Carta Sociale Europea - si legge nel documento - riguardante il sistema dei reclami collettivi e in applicazione delle Regole del Comitato Europeo dei Diritti Sociali”.
 
L’organismo darà poi un parere sulle eventuali violazioni della Carta Sociale Europea e, di conseguenza, sull’esigenza che la norma impugnata venga cancellata dalla legislazione italiana. Con il suo reclamo, il Nursing Up chiede al Comitato dei diritti sociali del Consiglio d’Europa di esprimersi sulla vicenda che vede il sindacato degli infermieri opporsi all’esclusione dai tavoli della contrattazione integrativa e decentrata nelle Aziende sanitarie ed ospedaliere italiane.

14 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy