Quotidiano on line
di informazione sanitaria
06 DICEMBRE 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Galenici per dimagrire. Tar Lazio conferma divieto di utilizzo per efedrina e pseudoefedrina


Respinta la richiesta di annullamento del Decreto del Ministero della Salute 27 Luglio 2017. "Qualora risulti impossibile determinare con certezza l'esistenza o la portata del rischio asserito a causa della natura insufficiente, non concludente o imprecisa dei risultati degli studi condotti, ma persista la probabilità di un danno reale per la salute nell'ipotesi in cui il rischio si realizzasse, il principio di precauzione giustifica l'adozione di misure restrittive”. LA SENTENZA

08 OTT - Il Tar Lazio con la sentenza n. 09703/2018, pubblicata il 3 ottobre, ha respinto il ricorso presentato per l’annullamento del Decreto del Ministero della Salute 27 Luglio 2017 sul “Divieto di prescrizione di esecuzione di preparazioni magistrali a scopo dimagrante contenente le sostanze medicinali efedrina e pseudoefedrina”.

Il Tar afferma che, al contrario di quanto sostenuto dalla ricorrente, il parere dell’Iss, sulla cui istruttoria si fonda il decreto in oggetto, approfondisce in modo esaustivo le evidenze scientifiche disponibili, separatamente per efedrina e pseudoefedrina.

I Giudici, inoltre, con riferimento alla censura relativa alla violazione della libertà prescrittiva, ribadiscono quanto già sottolineato in altre pronunce e cioè che tale forma di libertà “non riceve garanzia in senso assoluto, ma deve necessariamente coordinarsi con altri interessi di rilievo collettivo cui l'ordinamento dello Stato può assegnare valore preminente”.

Peraltro, l’operato del medico che prescrive preparati galenici deve necessariamente coordinarsi con le funzioni di controllo riservate allo Stato, laddove il principio di libertà terapeutica o libertà prescrittiva è soggetto ai limiti imposti dall’ordinamento.


Infine, anche la dedotta violazione del principio di precauzione non appare, per il Tar, sussistente nel caso in esame. In particolare, i giudici amministrativi riprendono la giurisprudenza della sezione in materia per spiegare che l’insegnamento della Corte di Giustizia ha chiarito che “(...) qualora risulti impossibile determinare con certezza l'esistenza o la portata del rischio asserito a causa della natura insufficiente, non concludente o imprecisa dei risultati degli studi condotti, ma persista la probabilità di un danno reale per la salute nell'ipotesi in cui il rischio si realizzasse, il principio di precauzione giustifica l'adozione di misure restrittive”.

08 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy