Quotidiano on line
di informazione sanitaria
18 NOVEMBRE 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Congresso Siot 2018: “Fratture del femore seria minaccia per l’anziano e per la sanità”

L'evento organizzato dalla Società italiana di ortopedia e traumatologia si terrà a Bari dal 9 al 12 novembre e vedrà il contributo di circa 3.000 esperti nazionali ed internazionali. Particolare attenzione sarà dedicata all'osteoporosi, definita "epidemia silenziosa" sotto diagnosticata e principale causa delle fratture da fragilità. IL PROGRAMMA DEL CONGRESSO

05 NOV - Un paper del 2017 pubblicato sul Giornale Italiano di Ortopedia e Traumatologia, sottolinea come "le fratture del collo del femore nel paziente over 60 rappresentano un evento molto frequente e in costante aumento, in rapporto anche al progressivo invecchiamento della popolazione mondiale a cui si contrappone una progressiva riduzione dei nuovi nati".
 
"Dalla revisione della letteratura sull’epidemiologia di tale tipologia di frattura correlata al paziente anziano - prosegue - si evincono alcuni dati che devono far riflettere:
- Il 20% della popolazione mondiale ha un’età superiore ai 65 anni, percentuale che aumenterà al 45% nel 2050, con punte del 57% nei paesi più industrializzati, con una contemporanea riduzione di 1,5 miliardi di persone a causa della contrazione delle nuove nascite.
- L’Italia è il secondo paese (dopo il Giappone) con la più alta percentuale di over 65, pari al 21% e destinata a divenire il 39% circa nel 2050.
- Secondo l’OMS l’osteoporosi interessa più di 75 milioni di persone in Europa, USA e Giappone.

- Lo studio ESOPO e altre indagini epidemiologiche quantizzano in circa 5 milioni le donne interessate da osteoporosi.
- Il costo complessivo per le fratture di femore in pazienti over 65 per il solo anno 2002 è stato superiore al miliardo di euro.
- Uno studio USA evidenzia che attualmente vengono trattate annualmente 250.000 fratture del femore nel paziente over 65, con una proiezione per il 2040 pari al doppio.
- In Italia nel 2007 le fratture di femore nell’anziano sono state 92.000, pari a circa il 75% delle fratture in tale tipologia di paziente, con un costo attuale di 590 milioni di euro legati alla sola ospedalizzazione".
 
“Le instabilità articolari” e “Le Aging Fractures” saranno i due principali argomenti affrontati nel corso del 103° Congresso Nazionale della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT) che si terrà a Bari dal 9 al 12 novembre. L’evento, che torna nel capoluogo pugliese dopo 34 anni, rappresenta un’occasione unica di confronto tra le varie scuole di ortopedia e si avvarrà del contributo di circa 3.000 ortopedici e traumatologi nazionali ed internazionali. Lo comunica una nota della Siot.
 
"Le instabilità articolari sono un capitolo di grande importanza ed oggi, grazie al miglioramento delle tecniche, all’approccio multidisciplinare e al 'timing' di trattamento, è possibile recuperarne la funzione in situazioni che, in passato, avrebbero probabilmente richiesto interventi più invasivi.
 
Altro tema sul quale si concentrerà l’attenzione degli ortopedici - prosegue la nota - sarà quello delle Aging Fractures, (fratture da fragilità dei pazienti anziani) che rappresentano spesso la conseguenza di una fragilità scheletrica secondaria in genere all’osteoporosi. L’incremento dell’incidenza di questa malattia viene definita come 'epidemia silenziosa' perché spesso resta come una patologia sotto diagnosticata e senza un adeguato trattamento farmacologico finalizzato alla prevenzione delle fratture da fragilità".
 
“Nell’epoca in cui internet offre possibilità di aggiornamento in tempo reale – spiegano i presidenti del Congresso, prof. Biagio Moretti e dott. Vincenzo Caiaffa - l’importanza di un congresso come questo è data dalla possibilità di partecipare a incontri scientifici di livello e condividere con professionisti di tutto il mondo esperienze umane e professionali per rispondere ad alcuni dei dubbi che quotidianamente si presentano agli occhi di chi lavora”.
 
Il Congresso prevede anche l’Efort Forum: "Importante luogo di confronto tra i migliori esperti in Europa dedicato alle Complications Shoulder Instability, tema che porterà soluzioni d’avanguardia nel trattamento della spalla".
 
Sono previsti numerosi simposi da cui emergeranno interessanti novità e due tavole rotonde. Nella prima, sabato 10, un panel di specialisti farà chiarezza su quali siano i comportamenti a cui attenersi per avere un corretto rapporto informativo tra medici e pazienti; nella seconda, domenica 11, la tavola rotonda medico-legale sul tema: “Il buono, il brutto, il cattivo: corrotti e corruttori”, punterà l’attenzione sulla trasparenza e le relazioni tra ortopedici e aziende produttrici di protesi e dispositivi medici.
 
Paola Porciello

05 novembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy