Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 FEBBRAIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Formazione medica. Cisl Medici: “Pericoloso creare scorciatoie. Politica sia responsabile”

Il segretario del sindacato Biagio Papotto richiama l’attenzione sul fatto che “ccorre investire risorse e fare una seria programmazione cosa che ormai da 20 anni non vediamo nel nostro paese, e rimasta solo la nostra coscienza e il nostro “alto indice reputazionale” non svendiamo anche quello in nome di una semplificazione frutto di esclusive e miserrime esperienze personali e non di ricerca studio e rigore scientifico”.

08 FEB - “In questi giorni assistiamo sconcertati ad una ridda di accuse e polemiche tra politici, tecnici, cultori della materia, ed una serie di portavoce di qualcosa o qualcuno che esprime giudizi e propone ricette miracolistiche per salvare il sistema sanitario universale”. È quanto afferma Biagio Papotto, Segretario Generale Cisl Medici  che sottolinea: “Non vorremmo ripeterci, ma giova ricordare che la qualità del nostro sistema sanitario è tale grazie ad un gruppo di Medici, dirigenti sanitari frutto di un percorso di formazione rigoroso, certificato e qualificante, se in nostri camici bianchi fanno gola a tutto il mercato sanitario mondiale è proprio grazie alla alta e rigorosa preparazione offerta dal nostro sistema formativo”. 
 
“Riteniamo folle e pericoloso – prosegue - in nome della “sostenibilità” cercare scorciatoie o percorsi formativi non qualificanti o surrogati di specializzazione rilasciati da organi “commerciali” e non terzi, non possiamo accettare specialisti di serie A o specialisti di serie B o C. Siamo pronti a discutere su tutto ma non sulla “formazione a sconto”.

 
“Rigore, terzietà e alta qualità degli studi dei nostri medici e sanitari non è barattabile - continua Papotto - abdicare altre prerogative istituzionali alla moda del regionalismo e dell’emergenza perenne è una strada senza ritorno. Se vogliamo creare percorsi di formazione diversi universitari e ospedalieri certificati e valutati da un organo terzo siamo pronti a dare il nostro contributo, se si vuole assumere personale medico senza specializzazione occorre cambiare la legge a partire dal DL 502/92, ma qui occorre che la politica faccia la sua parte e scelga il da farsi.” 
 
“Occorre investire risorse e fare una seria programmazione cosa che ormai da 20 anni non vediamo nel nostro paese, e rimasta solo la nostra coscienza e il nostro “alto indice reputazionale” non svendiamo anche quello in nome di una semplificazione frutto di esclusive e miserrime esperienze personali e non di ricerca studio e rigore scientifico”m conclude Papotto.

08 febbraio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy