Quotidiano on line
di informazione sanitaria
18 AGOSTO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Chiropratici. Aic incontra Coletto e Latini: “Si va verso riconoscimento laurea quinquennale”

L'Associazione Italiana Chiropratici ha incontrato il sottosegretario alla salute e la vice presidente della Commissione Cultura Scienza e Istruzione. “Hanno accolto con favore le istanze dei professionisti italiani sul percorso di formazione dei chiropratici”.

15 MAR - “L'Associazione Italiana Chiropratici è stata ricevuta dal Sottosegretario alla Salute, Luca Coletto e Giorgia Latini, Vicepresidente Commissione Cultura Scienza e Istruzione. Durante l'incontro formale, tenutosi al Ministero della Salute, il presidente dell'Associazione Italiana Chiropratici, John Wiliams, ha presentato la richiesta formale di adeguamento del percorso di istruzione agli standard europei e internazionali che prevedono per i chiropratici un corso di laurea magistrale della durata minima di cinque anni”. Ne dà notizia l’Associazione in una nota.
 
“Il Sottosegretario Coletto, e l'On. Latini, - si legge -  hanno ribadito di seguire con attenzione l'ìiter legislativo per la definizione del percorso di studi universitari dei chiropratici e di essere favorevoli ad appoggiare le richieste dell'AIC per l'istituzione di un corso di formazione universitaria quinquennale”.
 
"L'appoggio delle istituzioni è un passo nella giusta direzione verso una maggior tutela del paziente e il rispetto degli standard internazionali in tema di professioni sanitarie – ha commentato il presidente John Williams – oggi possiamo affermare di essere ottimisti sul futuro della chiropratica e apprezziamo la posizione di apertura espressa dai rappresentanti del Governo e del Parlamento durante l'incontro al Ministero della Salute. Lavoreremo in maniera efficace per continuare a sviluppare un rapporto di collaborazione costruttiva con il MIUR – continua Williams – e siamo ottimisti che, finalmente, dopo anni di attesa, la chiropratica possa diventare anche in Italia una professione sanitaria a tutti gli effetti, come delineato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità".

 
 I chiropratici non potranno “mai accettare un percorso formativo che preveda una laurea inferiore a quella richiesta dagli standard internazionali”.
 
“Il rischio di creare un mostro giuridico che non avrebbe uguali nel mondo, purtroppo è ancora alto, - continua John Williams - e temiamo che siano in atto dei tentativi di relegare il futuro della nostra professione all'ambito tecnico, facendo perdere alla chiropratica la propria identità e al Paese i vantaggi del rapporto costi/efficacia”.

15 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy