Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 MAGGIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

25 Aprile. Anelli (Fnomceo): “Celebriamo la libertà fonte di tutti i diritti”

“Senza libertà non ci sono diritti, senza libertà non ci sono garanzie. Senza libertà non c’è neppure la possibilità di esercitare la Professione medica in scienza e coscienza. Noi non vogliamo essere i medici dello Stato, noi siamo i medici del cittadino. E se questo è oggi possibile dobbiamo dire grazie ai nostri papà, ai nostri nonni, che hanno voluto fondare sulla libertà il nostro Stato di diritto". Così il presidente della Federazione nel giorno della Festa della Liberazione.

25 APR - “Da qualunque parte la si guardi, la ricorrenza del 25 aprile è per noi italiani non solo una festa ma un forte tratto identitario: è il giorno in cui si riafferma che la libertà è la fonte di tutti i diritti e la base del nostro ordinamento democratico”. Così il Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, si esprime nel giorno della Festa della Liberazione.
 
“È da quel 25 aprile di 74 anni fa che è nata la nostra Costituzione, che definisce fondamentali i diritti all’uguaglianza, alla salute, all’istruzione, alla giustizia, alla libertà di pensiero e di parola - argomenta Anelli -. È quel 25 aprile che ha reso possibile la ricostituzione dei nostri Ordini, gli Ordini delle professioni sanitarie, sciolti durante il regime fascista e poi nuovamente istituiti con il Decreto Legislativo del Capo Provvisorio dello Stato del 13 settembre 1946, n. 233, il cui regolamento di esecuzione veniva approvato con Decreto del Presidente della Repubblica n.221 del 5 aprile 1950”.

“E non per caso la Costituzione, dopo aver consegnato, all’articolo 1, la sovranità nelle mani del Popolo, all’articolo 2 afferma con forza che “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale” - continua Anelli - per poi ribadire, all’articolo 3, che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. Così come, secondo i principi del Codice di Deontologia Medica, tutte le persone sono uguali quando, di fronte a un medico, pretendono, solo attraverso la loro condizione di vulnerabilità, il diritto alla salute e alla cura”.

“Senza libertà non ci sono diritti, senza libertà non ci sono garanzie - conclude Anelli -. Senza libertà non c’è neppure la possibilità di esercitare la Professione medica in scienza e coscienza, perché non si risponde al cittadino, detentore della sovranità ed esigente dei diritti, ma allo Stato. Noi non vogliamo essere i medici dello Stato, noi siamo i medici del cittadino. E se questo è oggi possibile dobbiamo dire grazie ai nostri papà, ai nostri nonni, che hanno voluto fondare sulla libertà il nostro Stato di diritto. Non tradire i loro principi, non dimenticare le nostre radici: è questa l’unica strada percorribile per costruire un futuro migliore”.

25 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy