Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 NOVEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Psicologi. Approvato il bilancio Enpap 2018: utili per circa 30,6 milioni di euro

Il patrimonio immobiliare investito è di 1,31 miliardi di euro (+4% dal 2017), con un risultato finanziario pari a 143,7 milioni di euro. In crescita il numero degli iscritti (+5,7%). Torricelli: “Il risultato della gestione consente di proseguire nel cammino intrapreso, volto a perseguire una maggiore adeguatezza delle prestazioni degli Iscritti”

29 APR - Segno positivo per l’Ente nazionale di previdenza ed assistenza per gli psicologi (Enpap): il Bilancio 2018, approvato dal Consiglio di indirizzo generale (Cig), si è chiuso con un risultato economico di 30,6 milioni di euro. Non solo, l’Ente conta al suo attivo un patrimonio mobiliare e immobiliare investito, espresso a valori di mercato, pari a 1,31 miliardi di euro (+4% rispetto al 2017), un risultato lordo complessivo della gestione finanziaria a valori contabili di +2,884% (+2,374% netto), un risultato finanziario di 143,7 milioni di euro e un patrimonio netto contabile di oltre 145 milioni di euro. Bene anche le nuove iscrizioni: nel 2018 sono state 3.719, di cui oltre l’85% da parte di psicologhe che rappresentano l’83% del totale degli iscritti attivi. Iscritti che, nel 2018, sono saliti a 61.068 facendo registrare un +5,7% rispetto all’anno precedente.
 
Entrando nel dettaglio dell’utile risultante dal Bilancio 2018 si evidenzia che: 15,3 milioni sono stati generati dal maggior valore del rendimento degli investimenti dell’Ente rispetto all’onere della rivalutazione obbligatoria dei montanti contributivi. Nel 2017, grazie alla concreta attuazione della riforma previdenziale perseguita dall’Ente è stata operata una rivalutazione maggiorata dei montanti contributivi pari al 2,97% anziché dello 0,51% stabilito per legge per il 2015. Nel 2018, dopo l’approvazione da parte dei Ministeri vigilanti, si è avuta un’ulteriore rivalutazione maggiorata del 3,08% in luogo dello 0,47% stabilito per legge per il 2016.

 
E ancora, grazie all’extra rendimento ottenuto nel 2017, nel 2018 il Consiglio di Amministrazione si è determinato ad attribuire al montante di ciascun iscritto un importo aggiuntivo, applicando ai montanti oggetto di rivalutazione del 2017 un ulteriore tasso di rivalutazione del 2,1926% (per un controvalore di 21.420.487 euro), dando luogo a una rivalutazione complessiva per lo stesso anno pari al 2,7131%. L’accredito sui montanti potrà essere attuato una volta terminato l’iter istruttorio tuttora in corso presso i Ministeri vigilanti. Per il 2018, inoltre, le rilevazioni Istat hanno fatto registrare una percentuale da applicare per la rivalutazione obbligatoria dei montanti contributivi pari all’1,3478% rispetto allo 0,5205% del 2017 (+160%).
 
“Anche il Bilancio appena approvato consentirà di rivalutare i risparmi previdenziali degli Psicologi, ben più del minimo previsto dalla legge – sottolinea Felice Damiano Torricelli, Presidente Enpap – è l’effetto delle riforme varate nel 2015, a cui si accompagneranno presto altre innovazioni, appena approvate dagli Organi dell’Ente e ora inviate alla definitiva vidimazione ministeriale per la quale occorrerà aspettare qualche mese. Serviranno anche queste a rendere sempre più adeguate le pensioni dei nostri Colleghi”.
 
Entrando nel dettaglio del risultato economico positivo 2018 emerge, inoltre, che 13,4 milioni di euro sono rappresentati dall’avanzo del gettito della contribuzione integrativa, al netto dei costi di gestione della struttura operativa dell’Ente, 2,7 milioni sono stati generati dal risultato positivo della gestione contributiva riferibile alle annualità precedenti,4,4 milioni di euro sono stati destinati agli accantonamenti ai fondi di carattere assistenziale (Fondo Maggiorazione e Fondo Assistenza) e 3,7 milioni di euro derivano dal saldo positivo tra il gettito delle sanzioni e degli interessi e gli accantonamenti ai relativi fondi di svalutazione.
 
Il gettito della contribuzione previsto per il 2018 è di 132,5 milioni di euro (+14% rispetto al 2017, ammontare che però non è stato ancora riscosso in toto, scadendo i termini per tale adempimento nel 2019): la contribuzione soggettiva registra un incremento del 17,4% e quella integrativa del 7,7%. “Il risultato di tale incremento della contribuzione – rileva l’Ente in unna nota – è anche dovuto alle azioni poste in essere  per aumentare la consapevolezza dei meccanismi previdenziali e per incentivare scelte virtuose mantenendo la massima libertà di scelta per gli scritti, decidendo di intervenire sull’architettura delle scelte previdenziali proposta dall’Enpap attraverso l’uso dei Nudge, la “spinta gentile” che ha lo scopo di favorire un aumento del numero di iscritti con scelte di contribuzione superiori al livello minimo obbligatorio del 10%, ma senza l’introduzione di obblighi. Il 14,26% degli iscritti ha optato di versare contributi aggiuntivi volontari”.
 
“Se si prende a riferimento la sola popolazione di iscritti con redditi superiori a 5mila euro annui, la percentuale di chi ha versato contributi aggiuntivi sale al 20%. Questo vuol dire che un iscritto su 5 ha versato nel 2018 contributi volontari. Ma il Nudge da solo non basta. Se abbiamo ottenuto questi risultati è grazie ad un clima di fiducia, basato su ascolto, dialogo e prossimità, che abbiamo coltivato nei nostri ultimi 5 anni di governo dell'Enpap” ha aggiunto Federico Zanon, Vicepresidente Enpap.
 
Al di là dello straordinario aumento degli importi raccolti, prosegue il presidente Enpap “l’utilità sta nell’aver permesso una più chiara comprensione del funzionamento della previdenza contributiva e dei vantaggi fiscali connessi da parte degli Iscritti. Conto che questa nostra esperienza sia uno stimolo per gli Enti di Previdenza, i Fondi Pensione e i decisori pubblici: i metodi della psicologia delle decisioni si possono applicare anche alle imposte e alle scelte previdenziali”.
 
Per quanto riguarda infine il risultato della gestione finanziaria, l’anno 2018 ha registrato l’ulteriore perfezionamento e messa a regime delle strategie relative agli investimenti dell’Ente, avviato nel 2015 con l’approvazione del Regolamento per la Gestione del Patrimonio da parte dei Ministeri vigilanti. Si sottolinea che nel 2018 è diventata operativa anche l’Asset Allocation Tattitica, definita dall’Ente a fine 2017 in esito al consueto aggiornamento annuale dell’analisi di Alm (l’Asset Liability Management).  In un’ottica di valorizzare la vocazione etica e sociale della professione di psicologo, infine nel 2018 sono stati emanati i “Principi di investimento sostenibile e responsabile dell’Ente”. La positiva conseguenza è stata quella di ottenere l’adesione ai principi di investimento responsabile “Uni-Pri” definiti dalle Nazioni Unite.

29 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy