Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 13 NOVEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Primo Maggio. Anelli (Fnomceo): “Ricorrenza triste per i medici italiani, tra ‘camici grigi’, precariato e blocco dei contratti”

“A tutti loro, a tutti noi medici che ogni giorno, in condizioni anche estreme di lavoro, e sempre con dedizione e sacrificio, ci impegniamo per assicurare il diritto alla salute, dedichiamo questo Primo Maggio, rivendicando per i cittadini il diritto alle cure e per i medici il diritto di curare in condizioni di serenità e di giusto riconoscimento.” Così il presidente della Federazione in una nota.  

30 APR - “Contratti di lavoro e convenzioni ferme da più di dieci anni, concorsi bloccati, 'camici grigi' intrappolati tra laurea e specializzazione, 'medici a gettone', professionisti – stranieri e non – sfruttati e sottopagati, ospedalieri costretti a non rispettare gli orari di riposo o i turni di ferie per poter assicurare il servizio, guardie mediche in condizioni di assoluta carenza di sicurezza: è un Primo Maggio triste quello che la categoria si accinge a festeggiare. Eppure noi ci crediamo, crediamo che l’Italia sia una Repubblica fondata sul lavoro. E ancor più siamo convinti che la nostra Professione, posta a garanzia del diritto alla salute, abbia un forte ruolo sociale, che deve essere riconosciuto e valorizzato.”
 
Così il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, interviene alla vigilia della Festa del Lavoro.
 
“La trattativa per il rinnovo del contratto dei Medici e dirigenti ospedalieri è nuovamente in fase di stallo, dopo il blocco di dieci anni imposto dai governi precedenti – spiega Anelli –, e così quella per la Convenzione della Medicina Generale. Un contratto di lavoro equo è invece il giusto riconoscimento per il ruolo che i medici svolgono a sostegno del nostro Servizio Sanitario Nazionale, oltre che la base per una serenità professionale e di vita: il nostro primo auspicio è dunque che queste situazioni trovino presto soluzioni condivise dalle parti.”

 
“Ma non basta - continua il presidente Fnomceo -: è necessario, in primis per la stessa stabilità del servizio sanitario pubblico, un miglioramento delle condizioni di lavoro, che oggi spingono molti medici a fuggire verso il privato o addirittura all’estero. Lo scorso Natale, abbiamo simbolicamente consegnato al Governo un assegno da 500 milioni di euro, l’equivalente delle ore (sono quindici milioni) di straordinario che i medici dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale effettuano ogni anno oltre il tetto massimo, e che non vengono quindi retribuite. Abbiamo anche riempito una cambiale da un miliardo, il credito che i medici vantano per il mancato investimento nel turnover. Mesi dopo, la situazione è rimasta la stessa, il credito è aumentato, i medici sono sempre di meno.”
 
“Chiediamo pertanto al Governo di sbloccare i concorsi, per dare una boccata di ossigeno al sistema e per non alimentare il fenomeno, anche questo purtroppo in crescita, del precariato - aggiunge ancora Anelli -, una ‘zona grigia’ che diventa prestesto per sfruttamenti e sottoretribuzioni. È in aumento il fenomeno dei medici e degli specialisti ‘a gettone’, chiamati, e pagati, a prestazione. Spesso a far da tramite sono cooperative che tengono per sé un grosso margine, senza tutela alcuna per i professionisti. È di ieri la denuncia dei medici stranieri, chiamati a lavorare con contratti precari di pochi mesi e per sette euro l’ora. Ancora non vede soluzione la richiesta di stabilizzazione dei medici fiscali e legali che fanno capo all’Inps.”
 
“Una menzione a parte meritano i giovani colleghi prigionieri nell’imbuto formativo, laureati, abilitati, che non trovano posto nelle Scuole di specializzazione o al Corso per la Medicina Generale, e che vengono beffati due volte, perché è quello stesso Stato che non garantisce loro la formazione che spesso li assume ‘a gettone’, per coprire le carenze - prosegue - e tutti i medici esposti, senza protezione, all’odioso fenomeno della violenza.”

“A tutti loro, a tutti noi medici che ogni giorno, in condizioni anche estreme di lavoro, e sempre con dedizione e sacrificio, ci impegniamo per assicurare il diritto alla salute, dedichiamo questo Primo Maggio - conclude -, rivendicando per i cittadini il diritto alle cure e per i medici il diritto di curare in condizioni di serenità e di giusto riconoscimento.”  

30 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy