Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 21 SETTEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Convenzione Pediatri. CIPe-SISPe-SINSPe: “Per Mmg una preintesa, per noi nulla. Prosegue stato d’agitazione”

Il presidente del sindacato Giuseppe Gullotta all’indomani dell’incontro in Sisac per le trattative per il rinnovo dell’Acn lascia trasparire delusione: “Avevamo capito che i contratti dei medici delle Cure primarie andassero nella stessa direzione ma non è così”.

11 SET - “Ieri, 10 settembre, sono riprese le trattative in SISAC per il rinnovo dell’ACN dei Pediatri di Famiglia. Avevamo capito che i contratti dei medici delle Cure primarie andassero nella stessa direzione ma non è così: infatti mentre la Medicina Generale ha firmato una preintesa che comprende anche un adeguamento economico, per la Pediatria di Famiglia, per adesso, non è previsto un Atto di Indirizzo che vada in quella direzione”. È quanto afferma il presidente della Federazione CIPe-SISPe-SINSPe, Giuseppe Gullotta.
 
“I nostri emolumenti – precisa - sono invariati dal 2011 e, dopo un contentino con una parte di arretrati (ormai annullati dall’aumento conseguente delle tasse e dai vistosi ed incrementanti aumenti delle trattenute ENPAM, da quest’anno siamo già ad un aumento del 5% sul lordo annuo), la messa a regime è ancora lontana. La Federazione CIPe-SISPe-SINSPe ha ribadito, nella riunione lampo di ieri (un’ora scarsa di colloquio), lo stato di agitazione proclamato ormai più di un mese fa a difesa dell’intera categoria dei Pediatria di famiglia (stranamente unica sigla sindacale di categoria) e in attesa di convocazione per il raffreddamento delle vertenze sindacali come da regolamento”.

 
“I motivi – conclude - sono noti e ci teniamo a ribadirli: oltre al ristoro economico, la volontà della Parte Pubblica di ingabbiare i Pediatri in un sistema di simil-dipendenza, eliminando di fatto il rapporto di fiducia e riducendo i colleghi al ruolo di meri prescrittori; la mancanza di un piano per ovviare alla carenza di Pediatri che tra qualche anno sarà ancora più drammatica (1 su 2 nei prossimi 5 anni andrà  in pensione); il carico fiscale, che non risparmia neanche le spese sostenute per l’organizzazione del lavoro”.

11 settembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy