Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 13 DICEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Radiazione Venturi. Fp Cgil: “Ristabilita separazione tra competenze politiche e professionali, riflettere su ruolo ordini”

Il sindacato interviene dopo la pronuncia della Consulta: “Già allora esprimemmo disapprovazione nei confronti dell'iniziativa che portò alla radiazione dell'assessore Venturi perché dettata non da questioni etiche o deontologiche, ma in seguito a scelte organizzative adottate da Venturi nell'esercizio dei propri compiti istituzionali”.

06 NOV - "Una sentenza importante perché ristabilisce la separazione tra le competenze politiche e quelle professionali, ma soprattutto perché può aprire uno spazio di riflessione più ampio sul ruolo degli ordini". Così il segretario nazionale della Fp Cgil, Michele Vannini, e il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Andrea Filippi, commentano la decisione della Corte costituzionale sulla illegittima radiazione dell'assessore alle Politiche Sanitarie dell'Emilia Romagna, Sergio Venturi, dall'Ordine provinciale dei medici di Bologna.

Nel merito, osservano i due dirigenti sindacali, "già allora esprimemmo disapprovazione nei confronti dell'iniziativa che portò alla radiazione dell'assessore Venturi perché dettata non da questioni etiche o deontologiche, ma in seguito a scelte organizzative adottate da Venturi nell'esercizio dei propri compiti istituzionali, andando nella direzione di una gestione più efficiente dei servizi di emergenza urgenza". La sentenza dell'Alta corte, spiegano Vannini e Filippi, "sanziona, quindi, un utilizzo improprio e strumentale dell'Ordine teso a riaffermare un'idea della sanità fatta di anacronistiche separazioni fra le professioni, per il quale sarà chiamato a rispondere chi ha adottato quell'atto".


Ma soprattutto la sentenza afferma, proseguono, "in una fase in cui la normativa è intervenuta in modo significativo sugli ordini delle professioni sanitarie, come non sia sufficiente un codice deontologico per dare tutela alle professioniste e ai professionisti e conferma, per noi, la necessità che si apra uno spazio di riflessione condiviso sui confini dell'attività degli ordini e sugli strumenti di tutela che vanno garantiti a tutte le donne e gli uomini che operano nelle professioni ordinistiche", concludono Vannini e Filippi.

06 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy