Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 22 NOVEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Suicidio assistito. Fnomceo incontra Cappato: “Un’incontro all’insegna del dialogo”

Sul tavolo, il fine vita e le ripercussioni della recente sentenza della Consulta sul caso del Dj Fabo. Anelli: “È chiaro che va tutelata la dignità del malato e il principio di autodeterminazione del cittadino, così come è altrettanto chiaro che non va forzata la coscienza del medico”. Cappato: “È importante che i medici possano, nelle diverse impostazioni culturali presenti all'interno della categoria, agire senza forzature in alcuna direzione, collaborando con le altre professionalità coinvolte e rispettando l'autodeterminazione del paziente”.

07 NOV - “Un incontro all’insegna del dialogo”, così la Fnomceo in una nota dopo l’incontro avvenuto ieri a Roma tra il presidente Filippo Anelli (presenti anche il Vicepresidente Giovanni Leoni, il Segretario Roberto Monaco) e Marco Cappato, insieme a Luigi Montevecchi, dell’Associazione Luca Coscioni.
 
Sul tavolo, il fine vita e le ripercussioni della recente sentenza della Consulta sul caso del Dj Fabo.
 
“La sentenza va rispettata: questo è il punto fermo dal quale partire, per poi trovare la giusta collocazione e ruolo della Professione medica in questo processo – ha detto Anelli -. È chiaro che va tutelata la dignità del malato e il principio di autodeterminazione del cittadino, così come è altrettanto chiaro che non va forzata la coscienza del medico, che affonda le sue radici in un sentire che dura da millenni”.
 
“Analogamente a quanto avviene per i processi di cura, bisogna ragionare in termini di equipe multidisciplinari, che, rispettando le sensibilità e la deontologia delle diverse Professioni, assicurino al cittadino i suoi diritti”, spiega.

 
“Siamo felici del canale di dialogo aperto con l'incontro di oggi– ha detto Cappato -.  È fondamentale che scelte così importanti, che riguardano le fasi finali della vita, siano improntate al massimo di libertà e responsabilità individuale e, al tempo stesso, al massimo di supporto da parte di professionisti che mettono le proprie competenze al servizio dei cittadini e delle loro libere determinazioni”.
 
“È dunque importante che i medici possano, nelle diverse impostazioni culturali presenti all'interno della categoria, agire senza forzature in alcuna direzione, collaborando con le altre professionalità coinvolte e rispettando l'autodeterminazione del paziente – continua l’esponente radicale -. L'autodeterminazione andrà comunque garantita nell'applicazione concreta della nuova normativa emanata dalla Corte costituzionale, a nostro avviso modificando il Codice deontologico medico così come già avvenuto in passato nel rispetto delle rinnovate sensibilità e valutazioni giuridiche”. 
 
“Aspettiamo di leggere la sentenza, per poi fissare un secondo incontro e definire insieme, anche ascoltando altre ‘anime’ della società civile, un punto di equilibrio tra tutte le legittime istanze e diritti – ha aggiunto Anelli-. Quel che è certo è che noi medici non abbandoneremo i nostri malati, neppure in questi momenti estremi. Allo stesso modo, come Fnomceo, Ente sussidiario dello Stato, non derogheremo alla nostra responsabilità di trovare soluzioni che contemperino tutti i diritti costituzionalmente protetti, dei quali la Legge ci nomina garanti”.       

07 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy