Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 13 DICEMBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Federsanità al Forum Risk: Direttori generali, un ruolo in continua evoluzione

Una funzione chiave nella trasformazione delle strutture sanitarie in aziende, costretta a reinventarsi continuamente col mutare della sanità. Una recente indagine ha evidenziato un’eta media elevata, poche donne e molti medici. Al Forum Risk Management alcuni di loro si sono interrogati sul futuro del proprio mestiere

28 NOV - Qual è il ruolo dei Direttori generali in una sanità che cambia?
È questa la domanda che ha dato il via a uno dei panel, organizzato in collaborazione con Federsanità Anci, del 14° Forum Risk Management in corso a Firenze.
 
In un quadro sanitario estremamente disomogeneo, la norma definisce un profilo univoco di Dg. “Alla nostra figura è richiesta una coerenza di coordinamento manageriale rispetto alle linee d’indirizzo regionale, non una fedeltà politica”, ha ricordato Fabrizio d’Alba, Dg Ao San Camillo Forlanini di Roma. Il problema è che spesso i margini di manovra sono risicati e “le responsabilità che gravitano sulle nostre figure sono spesso indipendenti dal nostro agire individuale”.
 
Una professionalità in evoluzione, che segue i cambiamenti che avvengono in sanità: “Il nostro non è un mestiere che si studia, ma è qualcosa che si impara giorno dopo giorno, anche osservando gli errori degli altri – ha esordito Flori Degrassi, Dg Asl Roma 2 – L’unica vera qualità che dobbiamo avere è la curiosità, saper osservare quello che ci succede intorno. Credo che sia fondamentale riuscire a portare un metodo nel nostro lavoro e avere una visione in quello che facciamo”.

 
Una ricerca che ha analizzato i profili di 112 Dg nominati dopo l’entrata in vigore del decreto legislativo 171/2016 (quello che ha cambiato i parametri per la selezione dei Direttori generali) fornisce un identikit interessante: l’età media è di 58,7 anni, le donne occupano solo il 16% delle posizioni e oltre la metà dei Dg (il 50,5%) sono laureati in medicina. Di questi, il 58,9% ha una specializzazione in Igiene e Medicina preventiva. “Questi risultati sono del tutto sovrapponibili a quelli di uno studio svolto dalla Bocconi nel 2016 – ha dichiarato d’Alba – Dovremmo chiederci cosa fare per stratificare meglio la nostra composizione”.
 
L’unificazione delle aziende sanitarie ha fatto sì che i territori con cui i Dg si devono interfacciare siano sempre più ampi e variegati. “I cittadini esprimono bisogni diversi tra loro e questo richiede non solo ai Dg ma anche al middle management di assumere nuovi ruoli, da una parte più gestionali e dall’altra di controllo e di rapporto con le comunità locali che vedono in questa unificazione una perdita d’identità”, ha sottolineato Antonio D’Urso, Direttore generale Asl Toscana Sud Est.  
 
E negli ultimi tre decenni non è cambiato solo il rapporto con i cittadini, ma anche quello istituzionale: “La riforma del Titolo V ha ribaltato le logiche di relazione con Regioni e Ministero, per non parlare del nodo dei piani di rientro e di efficientamento – ha ricordato Fabrizio d’Alba – È cambiata profondamente l’organizzazione e la gestione delle aziende. Per il futuro dovremmo capire in che modo lavorare sulle nuove competenze, come gestire in modo virtuoso le autonomie e come acquisire un ruolo più attivo nelle scelte di politica sanitaria”.
 
Tra gli elementi di complessità evidenziati, anche l’output, piuttosto delicato: “Il ‘prodotto’ che noi vendiamo, i percorsi di cura, è qualcosa di molto affascinante, ma anche complesso – ha notato Daniela Donetti, Dg dell’Asl Viterbo – Deve essere personalizzato sul cittadino, innovativo e competitivo oltre che economicamente sostenibile”.

I direttori generali si muovono quindi in un contesto di competizione con un elemento di ulteriore complessità, il fattore tempo. “Il nostro ruolo è cambiato: per garantire salute ai cittadini dobbiamo diventare attivatori dei nostri sistemi”, ha concluso Donetti.

28 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy